Cioccolato che passione!

Da piccoli l’importante è la sorpresa, da grandi senza dubbio è il cioccolato che ci fa smaniare dietro alle uova di Pasqua. E questa è la settimana in cui inizia il conto alla rovescia, ancora pochi giorni e, finalmente, nascosti dietro l’alibi di far contenti i bambini potremo anche noi scartare le desiderate uova di cioccolata. E senza troppi sensi di colpa.

Una ricerca condotta dagli esperti della Loma Linda University presentata qualche tempo fa al meeting Experimental Biology dimostra che il consumo di cioccolato fondente con un’alta concentrazione di cacao (minimo 70%, 30% di zucchero di canna biologico) ha effetti positivi sui livelli di stress, infiammazione, umore, memoria e immunità. È noto che il cacao sia una fonte importante di flavonoidi ma questo studio dimostra come sostenga la salute cognitiva, endocrina e cardiovascolare.

«Per anni, abbiamo guardato l’influenza del cioccolato fondente sulle funzioni neurologiche dal punto di vista del contenuto di zucchero – più zucchero c’è, più siamo felici- questa è la prima volta che abbiamo esaminato l’impatto di grandi quantità di cacao in dosi piccole come una barretta di cioccolato di dimensioni regolari negli esseri umani per brevi o lunghi periodi di tempo, e siamo incoraggiati dai risultati. Questi studi ci mostrano che più alta è la concentrazione di cacao, più positivo è l’impatto su cognizione, memoria, umore, immunità e altri effetti benefici» spiega Lee S. Berk autore dello studio.

Inutile dire che non si tratta di un ‘libera tutti’. Qualità e quantità giocano un ruolo importante.

https://news.llu.edu/for-journalists/press-releases/new-studies-show-dark-chocolate-consumption-reduces-stress-and-inflammation-while-improving-memory-immunity-and-mood