Da uno studio le regole per l’abbraccio perfetto

Non tutti gli abbracci sono uguali e hanno significati diversi. Ci si abbraccia per salutarsi, per esprimere intimità, per comunicare gioia o per confortare. Ma un braccio sulla spalla, l’altro sulla vita della persona e una stretta di 5 secondi è l’abbraccio perfetto. A confermarlo, in uno studio pubblicato su Acta Psychologica, il team di ricercatori dell’Università di Londra che ha cercato di misurare i fattori che determinano la percezione di piacevolezza di un abbraccio.

Dallo studio è emerso che è la ‘durata’ il fattore che suscita più emozioni. L’abbraccio veloce, quello di 1 secondo, ha difficoltà ad essere percepito come piacevole mentre la durata di 5-10 secondi è stata considerata la più emozionante. Meglio 5 secondi di 10 però. L’abbraccio preferito è quello ‘incrociato’ che si è rilevato più intimo e positivo. I ricercatori hanno evidenziato che è questa la modalità preferita quando sono due uomini ad abbracciarsi perché viene, probabilmente, percepita come un gesto meno intimo ed egualitario.  

http://dx.doi.org/10.1016/j.actpsy.2021.103441