Dove volano le cicogne in italia

Ancora poche ore e conosceremo i nomi dei primi bambini che nasceranno con l’arrivo del nuovo anno. Una bella tradizione in una ‘gara’ tra città che porta con sé tante speranze e molta allegria. Perché ogni bimbo che nasce è una gioia da condividere. Certo è che le cicogne, in Italia, volano sempre di meno. Ma lo fanno in sicurezza visto che l’ospedale resta il luogo scelto nella grande maggioranza dei casi dalle donne per partorire. E’ quanto emerge dai dati rilevati per l’anno 2020 dal Certificato di Assistenza al Parto (CeDAP).

L’ 88,2% dei parti è avvenuto negli Istituti di cura pubblici ed equiparati, l’11,6% nelle case di cura e solo lo 0,2% altrove (altra struttura di assistenza, domicilio, etc.). Il 62,6% dei parti si svolge in strutture dove avvengono almeno 1.000 parti annui. Tali strutture, in numero di 146, rappresentano il 34,8% dei punti nascita totali. Il 6,9% dei parti ha luogo invece in strutture che accolgono meno di 500 parti annui.

Nel 2020, circa il 21% dei parti è relativo a madri di cittadinanza non italiana.  Le aree geografiche di provenienza delle madri straniere più rappresentate sono quelle dell’Africa (27,9%) e dell’Unione Europea (21,4%). Le madri di origine Asiatica e Sud Americana costituiscono rispettivamente il 20,3% ed il 7,8% delle madri straniere.

L’età media della madre è di 33 anni per le italiane mentre scende a 30,8 anni per le cittadine straniere.
L’età media al primo figlio è per le donne italiane, quasi in tutte le Regioni, superiore a 31 anni, con variazioni sensibili tra le regioni del Nord e quelle del Sud. Le donne straniere partoriscono il primo

L’analisi della condizione professionale evidenzia che il 56,2% delle madri ha un’occupazione lavorativa, il 27,5% sono casalinghe ed il 14,3% sono disoccupate o in cerca di prima occupazione. La condizione professionale delle straniere che hanno partorito nel 2020 è per il 52,2% quella di casalinga a fronte del 63,5% delle donne italiane che hanno invece un’occupazione lavorativa.

La donna ha accanto a sé al momento del parto (esclusi i cesarei) nel 94,1% dei casi il padre del bambino, nel 4,5% un familiare e nell’1,5% un’altra persona di fiducia.  In media, nel 2020 il 31,12% dei parti è avvenuto con taglio cesareo, con notevoli differenze regionali che comunque evidenziano che in Italia vi è un ricorso eccessivo all’espletamento del parto per via chirurgica. I dati denotano comunque una tendenza alla diminuzione.

https://www.salute.gov.it/portale/news/p3_2_1_1_1.jsp?lingua=italiano&menu=notizie&p=dalministero&id=5725