La depressione dei capelli bianchi

La depressione colpisce molte persone in tutto il mondo. Spesso però si associa soprattutto alle persone giovani e non si pensa abbastanza a quelle anziane. Eppure, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Journal of Affective Disorders sono davvero tante le persone – soprattutto donne – che dopo i 70 anni si trovano a fare i conti con questa difficile situazione.

Il ricercatore della Simon Fraser University John Best e il suo team hanno esaminato i dati del Canadian Longitudinal Study on Aging (CLSA) – uno studio a lungo termine che segue più di 50.000 persone tra i 45 e gli 85 anni – e hanno monitorato il numero di sintomi depressivi riportati attraverso l’età. Hanno scoperto che l’associazione delle persone con la depressione era legata alla tarda età e che le donne avevano più probabilità di riportare sintomi depressivi rispetto agli uomini.

«Non c’è una singola ragione per cui i tassi di depressione aumentano in tarda età, ma gli adulti più anziani sono noti per essere più propensi a sperimentare situazioni difficili come un lutto, salute insufficiente, caregiver e isolamento sociale. Essere consapevoli del fatto che c’è una probabilità che il vostro genitore anziano possa sperimentare sistemi depressivi mentre entrano nei 70 e 80 anni rafforza l’importanza di mantenere gli anziani attivi mentalmente, fisicamente, socialmente e forse anche spiritualmente. Il mio consiglio è di assicurarsi che stiano mantenendo i migliori contatti sociali possibili e di incoraggiarli ad essere fisicamente attivi il più possibile» spiega Best.

https://www.sfu.ca/sfunews/media/issues-experts/2021/09/older-women-more-likely-to-report-depressive-symptoms-than-men.html

IT-NON-05499-W-09/2023