Le fave, fonte di proteine (ma non per tutti)

Le fave sono un’eccellente fonte di proteine, utilizzate nell’alimentazione sin dall’antichità addirittura dalla preistoria. Ma non tutti possono mangiarle perché portatori di una mutazione. Un team internazionale di ricercatori, guidato dalle Università di Helsinki e Copenaghen e dal Luke Natural Resources Institute Finland, ha identificato il gene responsabile della produzione di vicine e convicine (sostanze presenti nelle fave) che sono dannose per le persone affette da favismo. Il lavoro è stato pubblicato su Nature Plants.

Questa ricerca apre la strada per la produzione e quindi la commercializzazione di fave totalmente privi di questi composti che possono essere così pericolosi. Una conquista importante perché si tratta di alimenti ad alto contenuto di proteine che sarebbe importante poter sempre inserire in un regime alimentare.

https://www.nature.com/articles/s41477-021-00950-w