Malattie mentali, basta fake news

Quello delle malattie mentali è un argomento spesso nebuloso. Se ne parla poco, male, con stigma, con paura. E con molte fake news. Il che non aiuta certo né chi ne soffre, né le famiglie che si trovano a dover fare i conti quotidianamente con realtà spesso molto difficili da gestire e che la disinformazione diffusa rende ancora più complicate. Con l’aiuto del Ministero della Salute è possibile fare un po’ di chiarezza per spazzare via alcune delle fake news più diffuse proprio in merito alle malattie mentali.

La malattia mentale è contagiosa. FALSO!

La malattia mentale non è contagiosa. La fuga dai contatti sociali e lavorativi che consegue a tale paura peggiora la condizione delle persone con malattia mentale e porta alla stigmatizzazione dei luoghi di trattamento e dei professionisti della salute mentale. Questo allontana ancora di più la persona con sofferenza psicologica dall’inizio della cura più appropriata per la propria condizione clinica.

Dai problemi di salute mentale non si esce. FALSO!

Oggi, l’intervento precoce e l’uso di tutti i trattamenti terapeutici a disposizione, hanno maggiori probabilità di esito favorevole portando la persona affetta da disturbi mentali al miglior funzionamento personale e sociale possibile. Molte, infatti, vanno a scuola, lavorano, hanno famiglia, conducono una vita piena.

Non si può aiutare chi ha problemi di salute mentale. FALSO!

Ci sono molti comportamenti e atteggiamenti che si possono mettere in atto per aiutare chi ha problemi di salute mentale ad affrontare la situazione e a fare la differenza nella loro vita. Purtroppo è molto diffusa la messa in atto di una distanza sociale nei confronti di persone affette da disagio mentale, è, quindi, importante cercare di stabilire un contatto con la persona fornendo comprensione e supporto senza il pregiudizio che quotidianamente affronta e che provoca mancanza di fiducia in se stessa e vergogna.

Chi si rivolge al Centro di salute mentale è un “matto” o un debole. FALSO!

Rivolgersi ai professionisti e ai luoghi di cura non è una manifestazione di debolezza o carenza di volontà, rappresenta, invece, il primo passo per cercare di superare le proprie difficoltà e riprendere in mano la propria vita quando non si riesce a farlo da soli. Ai Centri di Salute Mentale accedono sia persone con disturbi mentali caratterizzati da sintomi che interferiscono con la normale percezione della realtà sia persone con disturbi mentali caratterizzati da sintomi che in realtà sono forme severe di emozioni normali. Cure adeguate possono contribuire a stare meglio, a capire cosa c’è che non va e a ridurre i sintomi e la loro interferenza con il lavoro e la vita personale.

https://www.salute.gov.it/portale/saluteMentale/archivioFakeNewsSaluteMentale.jsp?lingua=italiano

IT-NON-05227-W-08/2023