Alcune cellule contrastano la diffusione del melanoma

Si conosce poco sull’immunità ai tumori metastatici in luoghi come i linfonodi, un luogo frequente dove i tumori si diffondono per la prima volta. Non solo i linfonodi agiscono come un passaggio per le cellule tumorali per viaggiare in tutto il corpo, ma sono anche sede di cellule bianche del sangue che combattono le infezioni chiamate cellule T. In alcuni casi, le cellule T nei linfonodi si attivano per uccidere le cellule tumorali invasive. In altri casi, questo processo fallisce.


Per capire il perché, alcuni ricercatori hanno trascorso l’ultimo anno a studiare l’immunità al cancro metastatico all’interno dei linfonodi.


Mentre le cellule T possono viaggiare liberamente dai linfonodi al flusso sanguigno e tornare ai linfonodi, i ricercatori hanno scoperto una nuova popolazione di cellule T che combattono il tumore e che non circolano, ma rimangono nei linfonodi dove forniscono protezione contro il melanoma.


Queste cellule T a lunga vita, chiamate “cellule T di memoria linfonodale”, hanno dimostrato di contrastare la diffusione del melanoma. Il team ha scoperto che quando le cellule del melanoma sono state rimesse in topi che erano stati curati dal cancro con l’immunoterapia un mese prima, i linfonodi erano ancora resistenti al cancro, quindi il melanoma non sarebbe cresciuto.


Sono anche state identificate cellule T con caratteristiche simili nei linfonodi di pazienti invasi dal melanoma, dimostrando che popolazioni simili esistono negli esseri umani.


L’analisi computazionale dei dati dei campioni di melanoma da The Cancer Genome Atlas ha rivelato che la presenza di cellule T con questa firma genica ha predetto migliori risultati e una migliore sopravvivenza per i pazienti di melanoma umano con metastasi linfonodali. Questi studi rivelano quindi una nuova popolazione di cellule T che è vitale per contrastare le prime fasi di metastasi del cancro.


Anche se il concetto di cellule T che prendono residenza nei linfonodi non è del tutto nuovo, non è mai stato dimostrato nel cancro. Il team ha impiegato tecniche di sequenziamento innovative per identificare il profilo trascrizionale unico che rende queste cellule T residenti specifiche dei linfonodi e del cancro, scoprendo che queste cellule hanno un profilo unico di espressione genica che le differenzia dalle cellule in circolazione e dalle cellule T di memoria che risiedono e proteggono altri tessuti come la pelle.


In futuro, i ricercatori sperano di capire meglio come queste cellule T di memoria sono generate e attivate più efficacemente all’interno dei linfonodi. L’obiettivo finale è quello di capire come le cellule T della memoria possono essere posizionate in tutti i tessuti per bloccare efficacemente la diffusione del cancro.


Fonte: Immunity

IT-NON-05420-W-09/2023