Ambulatorio odontoiatrico: effetto della presenza genitoriale nel comportamento dei bambini

Tra i fattori più comuni che influenzano negativamente il comportamento del bambino in ambulatorio, ci sono sicuramente la paura e l’ansia.


Partendo quindi dal presupposto che l’intelligenza abbia un indubbio impatto sulla comunicazione, sui sentimenti e la reattività del bambino all’interno dello studio dentistico, gli esperti hanno provato a valutare l’effetto delle tecniche di presenza genitoriale attiva sul comportamento dei bambini.


Questi dati sono stati raccolti facendo riferimento ad un campione di età prescolare con diversi livelli di intelligenza, e sono stati poi confrontati con la presenza genitoriale passiva.


Lo studio – randomizzato controllato – è stato condotto su un campione di 150 bambini sani, di età compresa tra i 3 e i 6 anni, senza precedenti di dolore/trattamento dentale e livello di quoziente di intelligenza di 70- ≤ 110 (stratificati in 3 uguali gruppi: alto, medio, basso). Durante la prima visita, ogni gruppo di QI è stato suddiviso casualmente in gruppi di test (PAP) e di controllo (PPP). Nella seconda visita, invece, è stata valutata la paura all’intervento dentistico prima dell’intervento preventivo: al test-group è stata associata la presenza attiva dei genitori, mentre al gruppo-controllo quella passiva. Il comportamento complessivo è stato valutato alla fine della visita.


I risultati ottenuti hanno dimostrato come la presenza attiva dei genitori abbia avuto un effetto significativo rispetto alla strategia di presenza passiva, e in particolar modo sia risultata più positiva sui bambini con quozienti intellettivi alti.


Tuttavia, i dati raccolti, indipendentemente dal livello di intelligenza del bambino, dimostrano come la presenza attiva influenzi sempre positivamente il comportamento generale del bambino.


Fonte: BMC Oral Health