Artrite reumatoide, +23% rischio di sviluppare diabete

Un nuovo studio presentato all’incontro annuale di quest’anno dell’Associazione Europea per lo Studio del Diabete (Easd), mostra che l’artrite reumatoide è associata a un aumento del 23% del rischio di diabete di tipo 2 e può indicare che entrambe le malattie sono legate alla risposta infiammatoria dell’organismo.

Il team suggerisce che l’infiammazione sistemica associata all’artrite reumatoide potrebbe quindi contribuire al rischio che un individuo sviluppi il diabete in futuro.

La ricerca è stata condotta su una serie di database medici e scientifici fino al 10 marzo 2020, su studi di coorte che confrontano l’incidenza del diabete tra le persone con artrite reumatoide e il rischio di diabete nella popolazione generale. Gli studi ammissibili identificati comprendevano un totale di 1.629.854 partecipanti.

Gli autori hanno trovato che la presenza di artrite reumatoide era associata a una maggiore probabilità di sviluppare il diabete del 23% rispetto al rischio nella popolazione generale, concludendo che le vie infiammatorie potrebbero essere coinvolte nella patogenesi del diabete.

I ricercatori suggeriscono poi di prendere in considerazione uno screening e una gestione più intensiva dei fattori di rischio di diabete nelle persone affette da artrite reumatoide. Gli agenti che riducono i livelli dei marcatori infiammatori sistemici possono infatti avere un ruolo nella prevenzione del diabete di tipo 2.

Fonte: Easd

IT-NON-02923-W-09/2022