Artrite reumatoide: prevenzione del rischio cardiovascolare

I pazienti con artrite reumatoide sono ad alto rischio di sviluppare malattie cardiovascolari (Cvd). L’infiammazione ha un ruolo fondamentale nella patogenesi delle malattie cardiovascolari. L’artrite reumatoide è una malattia infiammatoria articolare e, rispetto alla popolazione generale, i pazienti che ne soffrono hanno circa il doppio del rischio di aterosclerosi, ictus, insufficienza cardiaca e fibrillazione atriale.

Sebbene questo elevato rischio sia noto da decenni, i pazienti con artrite reumatoide ricevono cure preventive primarie e secondarie per Cvd più scarse rispetto ad altri pazienti ad alto rischio.

Una recente revisione degli studi raccoglie le prove delle malattie cardiovascolari aterosclerotiche nei pazienti con artrite reumatoide e fornisce un’analisi di ciò che è noto e di ciò che deve essere ulteriormente chiarito in merito alle raccomandazioni per la prevenzione della Cvd nei pazienti con artrite reumatoide rispetto alla popolazione generale.

Vengono discussi la gestione dei fattori di rischio Cvd tradizionali, inclusi pressione sanguigna, lipidi, diabete mellito e fattori di rischio legati allo stile di vita, nonché gli effetti dell’infiammazione e l’uso di farmaci antireumatici sul rischio Cvd e la gestione del rischio nei pazienti con artrite reumatoide.

L’obiettivo principale è fornire una tabella di marcia per la gestione e la prevenzione del rischio di Cvd aterosclerotica nei pazienti con artrite reumatoide.

Fonte: Nature Reviews Rheumatology

IT-NON-02736-W-07/2022