Artroplastica totale della caviglia: migliora il dolore in pazienti con artrite terminale

Secondo uno studio pubblicato dal Journal of Bone and Joint Surgery, American volume, per i pazienti con artrite alla caviglia allo stadio terminale, l’artroplastica totale della caviglia ha fornito miglioramenti significativi nel sollievo dal dolore, nella funzione generale, e nella funzione specifica della caviglia a quattro anni dopo l’intervento.


Da maggio 2012 a maggio 2015, i ricercatori, guidati da Bruce Sangeorzan, della University of Washington, Seattle, hanno valutato 417 pazienti sottoposti ad artroplastica totale della caviglia (TAA) e 103 pazienti sottoposti ad artrodesi della caviglia (AA) per l’artrite della caviglia allo stadio terminale.

Entrambe le procedure sono state eseguite dallo stesso gruppo di chirurghi.


Le misurazioni dei risultati hanno incluso le attività FAAM (Foot and Ankle Ability Measurement) della vita quotidiana e delle sotto-scale sportive, i punteggi riepilogativi delle componenti fisiche e mentali dell’SF-36 e i punteggi del dolore.


A quattro anni dall’intervento, entrambe le coorti hanno visto un miglioramento significativo in tutte le misure di esito; tuttavia, la coorte TAA ha ottenuto un miglioramento più elevato nelle attività della vita quotidiana FAAM, nelle attività sportive FAAM e nei punteggi SF-36. Inoltre, la coorte TAA ha registrato miglioramenti medi più elevati nei punteggi del dolore e tassi di revisione inferiori rispetto alla coorte AA.


“I miglioramenti sono stati significativamente maggiori dopo la TAA in quasi tutte le misurazioni riportate dai pazienti. Queste differenze sono clinicamente importanti, in particolare nelle misure specifiche della caviglia. Inoltre, il 28% in più di pazienti sottoposti a TAA erano completamente soddisfatti rispetto a quelli sottoposti ad AA” concludono gli autori.


Fonte: J Bone Joint Surg. 2021

IT-NON-04800-W-05/2023