Artrosi grave della caviglia: sostituzione totale offre migliore funzionalità rispetto all’artrodesi

Per i pazienti con grave artrosi della caviglia, l’artroplastica totale (Taa) offre una migliore funzionalità a lungo termine rispetto all’artrodesi della caviglia (Aa), secondo quanto riferisce un recente studio.


Entrambi i trattamenti stabiliti per l’artrosi della caviglia allo stadio terminale sono efficaci per alleviare il dolore e migliorare i risultati riferiti dal paziente. Tuttavia, sembra che la Taa porti a un maggiore miglioramento nella maggior parte dei casi a 48 mesi dall’intervento.


L’artrosi della caviglia allo stadio terminale è caratterizzata dalla perdita completa della cartilagine e dal contatto “osso contro osso” nell’articolazione della caviglia, con i pazienti che provano dolore e rigidità. Il trattamento standard è l’artrodesi, che utilizza piastre e viti per fondere le ossa della caviglia in un unico pezzo. Tuttavia, negli ultimi anni, la Taa è diventata un’alternativa abbastanza diffusa. In questo caso viene utilizzata una protesi per sostituire l’articolazione della caviglia deteriorata, in modo simile a come le articolazioni artificiali vengono utilizzate nella chirurgia di sostituzione totale dell’anca o del ginocchio. Tuttavia, rimangono domande sui risultati della Taa rispetto all’Aa, soprattutto a lungo termine.


I ricercatori hanno confrontato i risultati delle due procedure in 517 pazienti con artrosi di caviglia allo stadio terminale in sei centri medici. I pazienti sono stati trattati secondo la loro procedura preferita, con 414 sottoposti a Taa e 103 a Aa.


A quattro anni dall’intervento, entrambe le procedure hanno mostrato miglioramenti nei risultati chiave del paziente rispetto allo stato precedente. Nella maggior parte dei parametri, i risultati a lungo termine erano migliori per i pazienti sottoposti a Taa rispetto all’Aa, compresa la funzione della caviglia riferita dal paziente per le attività della vita quotidiana e lo sport, nonché gli aspetti fisici della qualità della vita.


Nei primi tre anni dopo l’intervento, anche i punteggi del dolore erano migliori dopo la sostituzione totale della caviglia. Per entrambi i trattamenti, i miglioramenti osservati a due anni dopo l’intervento sono stati mantenuti fino a quattro anni dopo l’intervento.


Il 78% dei pazienti sottoposti a Taa si sono detti “completamente soddisfatti” dei risultati del loro intervento, rispetto al 60% di quelli che hanno ricevuto Aa. I pazienti sottoposti a Taa hanno anche fatto registrare un tasso inferiore di interventi chirurgici di revisione: 8,7% contro 17,5%.


Secondo gli autori del lavoro, i risultati sono “altamente rilevanti” per i pazienti e i chirurghi durante la fase di pianificazione nel trattamento di una grave artrosi della caviglia. Ora servono ulteriori analisi per riportare i tassi e i fattori di rischio per la chirurgia di revisione per le due procedure con un periodo di follow-up più lungo.


Fonte: Asco 2021

IT-NON-04885-W-06/2023