Associazione tra chirurgia bariatrica e cancro

Uno studio della Cleveland Clinic mostra che, tra gli adulti con obesità, la perdita di peso raggiunta con la chirurgia bariatrica può essere associata a un rischio inferiore del 32% di sviluppare il cancro e del 48% di morte correlata al cancro. La ricerca è stata pubblicata da JAMA.

SPLENDID (Surgical Procedures and Long-term Effectiveness in Neoplastic Disease Incidence and Death) è uno studio di coorte abbinato che ha incluso più di 30.000 pazienti della Cleveland Clinic. Un gruppo di 5.053 pazienti adulti con obesità sottoposti a chirurgia bariatrica tra il 2004 e il 2017 è stato confrontato con un gruppo di controllo di 25.265 pazienti che non hanno subito un intervento chirurgico per la loro obesità. Dopo 10 anni, il 2,9% dei pazienti nel gruppo di chirurgia bariatrica e il 4,9% dei pazienti nel gruppo non chirurgico hanno sviluppato un cancro associato all’obesità (ce ne sono 13 secondo l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, tra cui il cancro dell’endometrio, il cancro al seno in postmenopausa e i tumori del colon, del fegato, del pancreas, dell’ovaio e della tiroide).

Dopo 10 anni, lo 0,8% dei pazienti nel gruppo chirurgico e l’1,4% dei pazienti nel gruppo non chirurgico sono morti di cancro. Questi risultati suggeriscono che la chirurgia bariatrica potrebbe essere associata a una riduzione del rischio di morire di cancro del 48%. I ricercatori hanno notato che i benefici della chirurgia bariatrica sono stati osservati in un’ampia gamma di partecipanti allo studio, tra cui donne e uomini, giovani e anziani e pazienti bianchi e afro-americani.


Fonte: Aminian A, Wilson R, Al-Kurd A, et al. Association of Bariatric Surgery With Cancer Risk and Mortality in Adults With Obesity. JAMA. doi:10.1001/jama.2022.9009

https://jamanetwork.com/journals/jama/article-abstract/2793220

IT-NON-07308-W-06/2024