Associazione tra lesione cerebrale traumatica ed esiti neuropatologici

Un’analisi trasversale pubblicata dalla rivista JAMA Network suggerisce che una storia di trauma cranico è associata a esiti neuropatologici legati all’età, sia neurodegenerativi che vascolari.

Una storia di trauma cranico è stata considerata un fattore di rischio per la demenza di Alzheimer. I ricercatori del Rush University Medical Center, Chicago, hanno esaminato l’associazione tra trauma cranico con e senza perdita di coscienza e risultati neuropatologici in coorti basate sulla comunità. Gli autori hanno analizzato i dati neuropatologici di 1.689 partecipanti allo studio sugli ordini religiosi, al progetto Rush Memory and Aging e allo studio di ricerca sull’invecchiamento delle minoranze. Questi studi hanno iniziato l’iscrizione rispettivamente nel 1994, 1997 e 2004.

Rispetto ai partecipanti senza trauma cranico, i partecipanti con trauma cranico con perdita di coscienza avevano un carico di β-amiloide maggiore e probabilità più elevate di avere 1 o più infarti e 1 o più microinfarti, in particolare microinfarti sottocorticali. Quelli con trauma cranico senza perdita di coscienza avevano probabilità più elevate di sviluppare corpi di Lewy neocorticali e 1 o più microinfarti corticali. L’associazione di trauma cranico con e senza perdita di coscienza con esiti patologici vascolari persisteva dopo il controllo dei fattori di rischio vascolare e del carico di malattie vascolari.

Bibliografia:

Agrawal S, Leurgans SE, James BD, et al. Association of Traumatic Brain Injury With and Without Loss of Consciousness With Neuropathologic Outcomes in Community-Dwelling Older Persons. JAMA Netw Open. 2022;5(4):e229311. doi:10.1001/jamanetworkopen.2022.9311

IT-NON-06971-W-05/2024