Aumento di depressione durante la pandemia nel Regno Unito

La depressione negli adulti del Regno Unito di età uguale o superiore ai 50 anni è aumentata significativamente durante la pandemia. Essere donne, vivere da sole ed essere malati sono stati fattori di rischio importanti. Le donne più giovani che vivono nelle aree urbane erano particolarmente a rischio. Sono queste le conclusioni a cui sono giunti i ricercatori dell’University of Surrey, autori di un articolo pubblicato dal BJPsych Open.


I ricercatori hanno tentato di quantificare i cambiamenti longitudinali nei sintomi della depressione durante la pandemia rispetto a una linea di base pre-pandemia, negli adulti di mezza età e negli anziani, e di identificare i fattori di rischio che hanno contribuito allo sviluppo di depressione in questo contesto. Hanno arruolato 5.331 partecipanti di età uguale o superiore ai 50 anni che erano inseriti nell’English Longitudinal Study of Ageing. I sintomi di depressione auto-riferiti a giugno/luglio 2020 sono stati confrontati con i dati di riferimento di 2-3 anni prima.


L’analisi ha rivelato un aumento significativo dei punteggi di depressione rispetto ai livelli pre-pandemici: prima della pandemia il 14% aveva soddisfatto i criteri per la depressione clinica, rispetto al 26% durante la pandemia. Età più giovane, sesso femminile, punteggi di depressione più alti al basale, vivere da soli e avere una malattia di vecchia data erano fattori di rischio significativi. Essere un consumatore di alcol era un fattore protettivo solo tra gli uomini. 


Fonte: BJPsych Open

IT-NON-05381-W-09/2023