Batteriuria asintomatica: prescrizione antibiotica e atteggiamento medico

Attualmente il trattamento antibiotico per la batteriuria asintomatica non è raccomandato dalle linee guida, tuttavia, è uno dei principali fattori di uso inappropriato di antibiotici.
Pertanto, i ricercatori hanno voluto valutare se la cultura e i tratti di personalità dei medici siano associati a una predisposizione alla prescrizione inappropriata.

Questo particolare studio ha comportato l’analisi secondaria di un sondaggio precedentemente completato, perciò, si è partiti includendo un totale di 723 medici di base statunitensi (medici e clinici avanzati), che sono stati intervistati riguardo il loro approccio a un ipotetico paziente con batteriuria asintomatica. La cultura dei medici è stata rappresentata dal background formativo e dalla regione di pratica, mentre gli atteggiamenti e le caratteristiche cognitive sono stati rappresentati utilizzando strumenti validati per stimare la capacità di calcolo, le preferenze di assunzione di rischi, il burnout e la tendenza a massimizzare le cure.

I risultati raccolti hanno evidenziato principalmente la disponibilità auto-riferita a prescrivere antibiotici per la batteriuria asintomatica. Si ipotizzava che la disponibilità a prescrivere antibiotici fosse associata alle caratteristiche, al background e agli atteggiamenti del medico – compreso l’orientamento alla Medical Maximizer-Minimizer Scale – e, gli individui con un orientamento più forte verso la massimizzazione medica, preferivano il trattamento anche quando il valore del trattamento era ambiguo.

Dei 723 medici arruolati, 551 (288 medici specializzandi, 202 medici curanti e 61 medici esperti) hanno completato il sondaggio e 392 medici hanno dichiarato che prescriverebbero un trattamento antibiotico per la batteriuria asintomatica in assenza di un’indicazione. Nelle analisi multivariabili, i medici con una formazione in medicina di famiglia o un punteggio elevato nella Medical Maximizer-Minimizer Scale avevano maggiori probabilità di prescrivere un trattamento antibiotico per la batteriuria asintomatica; i medici specializzandi e i medici della zona del Pacifico nord-occidentale, invece, hanno evidenziato una minor probabilità di prescrivere antibiotici per la batteriuria asintomatica.

I dati raccolti da questa ricerca suggeriscono che la maggior parte dei medici di base prescrive un trattamento antibiotico inappropriato per la batteriuria asintomatica in assenza di fattori di rischio. Questa tendenza è più pronunciata tra i medici di medicina di famiglia e i medici massimalisti ed è meno comune tra i medici specializzandi e i clinici di una determinata zona regionale. Le caratteristiche dei medici dovrebbero quindi essere prese in considerazione quando si progettano interventi di stewardship antibiotica.

JAMA Netw Open. – doi:10.1001/jamanetworkopen.2022.14268

https://jamanetwork.com/journals/jamanetworkopen/fullarticle/2792752

IT-NON-07215-W-06/2024