BCL-W non sembra implicato nello sviluppo dei linfomi

Recentemente, è stato osservato che BCL-W, un membro prosurvival relativamente poco studiato della famiglia di proteine ​​BCL-2, è sovraregolato in modo anomalo nel linfoma di Burkitt (BL), nel linfoma diffuso a grandi cellule B (DLBCL) e nel linfoma di Hodgkin. I ricercatori del Walter ed Eliza Hall Institute hanno però scoperto che BCL-W non è necessario per la crescita e la sopravvivenza delle linee cellulari umane di questi due tipi di tumore. Il loro studio è stato pubblicato dalla rivista Blood advances.


Ricerche precedenti avevano suggerito che BCL-W poteva essere una proteina importante per la sopravvivenza dei linfomi a cellule B e quindi avrebbe potuto diventare un bersaglio terapeutico. Questo studio invece suggerisce che i farmaci che prendono di mira BCL-W non sarebbero trattamenti efficaci per la maggior parte dei linfomi a cellule B.


BCL-W è un membro della famiglia di proteine ​​BCL-2 e promuove la sopravvivenza delle cellule tumorali inibendo la morte cellulare per apoptosi. Altri membri pro-sopravvivenza della famiglia BCL-2, comprese le proteine ​​BCL-2 e MCL-1, sembrano essere interessanti bersagli per i farmaci antitumorali, in particolare per alcune leucemie e linfomi.


I ricercatori hanno ridotto la quantità di proteina BCL-W all’interno delle linee cellulari di linfoma a cellule B, ma non hanno osservato nessun cambiamento in termini di sopravvivenza cellulare.


“Abbiamo anche studiato la possibilità che alti livelli di BCL-W nei linfomi possano cooperare con altre proteine ​​di sopravvivenza correlate, come BCL-2 o MCL-1, per promuovere la sopravvivenza”, spiega Sarah T. Diepstraten, prima autrice dello studio. “Non è così: la perdita di BCL-W non ha reso le cellule di linfoma più sensibili a farmaci che inibiscono BCL-2 o MCL-1”.



“BCL-W è considerato un bersaglio terapeutico particolarmente interessante perché non è necessario nella maggior parte delle cellule sane del corpo, quindi dei farmaci contro BCL-W non dovrebbero comportare effetti collaterali significativi.


Gemma L. Kelly, che ha diretto lo studio, conclude: “è possibile che BCL-W contribuisca alla sopravvivenza o alla resistenza ai farmaci di altri tipi di cancro”.


Fonte: Blood Adv 2020

IT-NON-04303-W-03/2023