Biotipi gengivali: retrazione in massa e variazione di spessore

Questo studio ha confrontato le modifiche dei parametri della gengiva e dell’osso alveolare, comprese le ossa corticali e spongiose tra biotipi gengivali spessi e sottili dopo la retrazione in massa.

32 soggetti adulti con protrusione e proclinazione dei denti anteriori mascellari sono stati inclusi nello studio e divisi in 2 gruppi: biotipo gengivale spesso (TKB) e biotipo gengivale sottile (TNB). I denti anteriori mascellari sono stati retratti utilizzando molle elicoidali per 4 mesi, mentre prima della retrazione e 3 mesi dopo 4 di retrazione sono stati eseguiti cefalogrammi laterali, modelli di studio e tomografia computerizzata a fascio conico. I test non parametrici hanno quindi permesso di confrontare le modifiche all’interno dei gruppi in questi periodi e tra i gruppi.

I risultati hanno evidenziato un guadagno di spessore e lunghezza da parte della gengiva sui lati labiale e palatale. L’osso alveolare labiale ha mostrato un aumento dello spessore e dell’altezza rispetto all’osso alveolare palatale, che rispetto agli stessi parametri presentava una diminuzione dei valori; la perdita di altezza si è verificata maggiormente nel gruppo TNB.  L’osso corticale labiale, invece, è aumentato in spessore e altezza, mentre l’osso corticale palatale si è assottigliato a livelli in cui non era presente osso spugnoso allo strato crestale per il TKB e a livello crestale e della radice per il TNB. Inoltre, TKB ha mostrato un movimento incisivo più lento e una retroclinazione inferiore rispetto al TNB, con un’estrusione incisiva minima.

Pertanto, lo studio ha mostrato come la gengiva e l’osso alveolare in TKB fossero più favorevoli per la retrazione dei denti anteriori rispetto a TNB. Sfortunatamente, precedenti ricerche sulla retrazione dei denti anteriori non riportavano alterazioni gengivali, non classificavano i soggetti in 2 biotipi e non separavano l’osso corticale dall’osso spongioso. Di conseguenza, i soggetti erano biotipi misti e tipi di osso alveolare combinati. Inoltre, i loro risultati sono stati controversi con la deposizione ossea o il riassorbimento a diversi livelli ai lati labiale e palatale. Non sono state incluse indagini gengivali.

Fonte: American Journal of Orthodontics and Dentofacial Orthopedics – https://doi.org/10.1016/j.ajodo.2021.01.036

IT-NON-06629-W-03/2024