Calcificazioni coronariche: smettere di fumare riduce il rischio a lungo termine

I pazienti con malattia renale cronica (CKD) che avevano precedentemente fumato meno di 10 pacchetti-anno e avevano smesso di fumare hanno mostrato di avere un rischio ridotto di calcificazione coronarica rispetto ai fumatori attuali.

Questo è quanto riferisce uno studio pubblicato sul Clinical Journal od the American Society of Nephrology, e diretto da Mi Jung Lee, dell’Ilsan Medical Center della CHA University in Corea del Sud.


“Le attuali linee guida cliniche nel campo delle malattie renali raccomandano di smettere di fumare come modifica dello stile di vita. Tuttavia, queste linee guida derivano per lo più da studi osservazionali epidemiologici che coinvolgono partecipanti senza CKD. Ad oggi, gli studi sull’associazione tra fumo e malattie cardiovascolari nei pazienti con CKD hanno prodotto risultati contrastanti” afferma Lee.


Per indagare sull’associazione tra il dosaggio del fumo e la durata della cessazione e la calcificazione delle arterie coronariche (CAC) nei pazienti con CKD, i ricercatori hanno condotto uno studio nazionale in Corea del Sud su 1.914 pazienti con diagnosi di CAC prevalente. L’età media dei pazienti era di 54 anni e la maggior parte erano uomini. Al momento dell’arruolamento nello studio, i ricercatori hanno raccolto i dati demografici e clinici di base dei pazienti, comprese le comorbilità, la causa della CKD, lo stato economico, il livello di istruzione e i farmaci. I pazienti sono stati sottoposti a un esame del sangue dopo digiuno di otto ore e a un test delle urine, e hanno compilato un questionario strutturato sulla loro storia di fumo.


Gli esperti hanno trovato CAC nel 50% dei pazienti. I pazienti che non avevano mai fumato avevano il tasso di prevalenza CAC più basso (42%), mentre i fumatori attuali avevano quello più alto (59%). Il tasso di fumo era notevolmente più alto tra gli uomini (75%) rispetto alle donne (8%), sebbene la prevalenza di CAC fosse costantemente più alta tra i fumatori attuali, indipendentemente dal sesso dei pazienti.


I pazienti che si sono identificati come ex fumatori con un carico di fumo inferiore (<10 pacchetti-anno) e che avevano avuto una maggiore durata della cessazione del fumo avevano un rischio inferiore di CAC prevalente rispetto ai fumatori attuali. I rapporti di prevalenza non variavano tra i pazienti che non avevano mai fumato e quelli che avevano smesso di fumare a lungo termine. I pazienti con cessazione a breve termine e un forte carico di fumo avevano un rischio più elevato di CAC prevalente rispetto a quelli che non avevano mai fumato. La CAC è progredita nel 33% dei pazienti e, rispetto ai non fumatori, gli ex fumatori hanno mostrato un rischio simile di progressione della CAC, sebbene i fumatori attuali avessero un rischio più elevato.


“Il nostro studio ha mostrato che i fumatori attuali avevano maggiori probabilità di avere CAC rispetto ai non fumatori. Tuttavia, se smettere di fumare possa prevenire un’ulteriore calcificazione è attualmente sconosciuto” concludono gli esperti.


Fonte: Clinical Journal od the American Society of Nephrology

IT-NON-04782-W-05/2023