Cambiamento status socio-economico e carie nella dentizione permanente

E’ stato condotto uno studio con lo scopo complessivo di analizzare longitudinalmente lo sviluppo della carie dentale nella dentizione permanente di bambini e adolescenti nella nazione svedese in relazione ai cambiamenti dello status socioeconomico (SES).

Su una popolazione di 259.448 soggetti sono state riscontrate associazioni nel tempo fra SES e carie dentale nelle fasce più giovani.

Un SES persistentemente basso è stato associato con il massimo rischio di carie sia nuove che su denti già cariati o sottoposti ad otturazioni, mentre comunque un qualsiasi cambiamento nel SES, sia in senso migliorativo che peggiorativo, porta ad un incremento del rischio.

E’ stato identificato un incremento del rischio di nuovi eventi cariosi nei soggetti anziani all’inizio dello studio e in base all’anno in cui è avvenuto l’esame.In media, l’incremento annuale nel numero di denti cariati o con otturazioni e delle superfici approssimali cariate era rispettivamente 0,23 e 0,12.

E’ stato dunque dimostrato che il SES è un importante fattore di rischio per la carie dentale nei giovani. I programmi di prevenzione dovrebbero prestare particolare attenzione alle necessità dei soggetti e delle categorie socio-economicamente vulnerabili. 

Fonte: Community Dent Oral Epidemiol online 2020