Cancro alla prostata: cause di morte tra i pazienti con tumore metastatico

Uno studio di coorte retrospettivo pubblicato dalla rivista JAMA ha valutato le cause di morte tra i pazienti statunitensi con cancro alla prostata metastatico dal 2000 al 2016.


I ricercatori hanno fatto ricorso al database Surveillance, Epidemiology, and End Results Program e hanno analizzato i dati di 26.168 uomini statunitensi che hanno ricevuto una diagnosi di cancro alla prostata metastatico dal 1 gennaio 2000 al 31 dicembre 2016. Il 48,9% aveva un’età compresa tra 50 e 70 anni (età media alla diagnosi, 70,83 anni); il 74,5% erano individui bianchi e il 72,7% ha ricevuto una diagnosi di cancro alla prostata metastatico in stadio M1b.


Il 63,9% dei pazienti (16.732) è morto durante il periodo di follow-up. L’età media alla morte era di 74,13 anni. La maggior parte dei decessi (59,0%) si è verificata entro il periodo di latenza di 2 anni dopo la diagnosi, mentre il 31,6% si è verificato da 2 a 5 anni dopo la diagnosi e il 9,4% si è verificato più di 5 anni dopo la diagnosi. Dei decessi totali, 13.011 (77,8%) erano dovuti al cancro alla prostata, 924 (5,5%) ad altri tumori e 2.797 (16,7%) a cause non oncologiche. Durante tutti i periodi di latenza, le cause di morte non cancerose più comuni erano le malattie cardiovascolari, la broncopneumopatia cronica ostruttiva e le malattie cerebrovascolari.


I ricercatori osservano che “la terapia e il follow-up dovrebbero essere adattati alle esigenze di ciascun paziente con cancro alla prostata metastatico e dovrebbe essere fornita consulenza sui futuri rischi per la salute”.


Fonte: JAMA

IT-NON-05393-W-09/2023