Cani addestrati da terapia per migliorare gestione dolore in pronto soccorso

L’intervento di cani da terapia addestrati al pronto soccorso ha favorito cambiamenti clinicamente significativi nel dolore, e anche nell’ansia, nella depressione e nel benessere dei pazienti con disfunzione erettile che si sono rivolti all’ospedale per insorgenza di dolore, secondo uno studio pubblicato su PLoS One.

“Il dolore è una delle ragioni principali per cui le persone si rivolgono a un pronto soccorso, e la sua gestione è motivo di preoccupazione. Abbiamo voluto valutare se ci fosse un cambiamento dei sintomi e delle variabili fisiologiche in tre punti temporali prima e dopo una visita di dieci minuti del gruppo di cani da terapia della St. John Ambulance rispetto a nessuna visita nei pazienti con disfunzione erettile che hanno manifestato dolore” spiega Ben Carey, della University of Saskatchewan, Saskatoon, Canada.

I ricercatori hanno misurato dolore, ansia, depressione e benessere con le scale di valutazione a 11 punti del sistema di valutazione dei sintomi di Edmonton (versione rivista) (ESAS-r) prima, immediatamente dopo e 20 minuti dopo la visita di un gruppo di cani da terapia a 97 pazienti con disfunzione erettile. La pressione sanguigna e la frequenza cardiaca sono state registrate nei punti temporali. I dati di controllo sono stati raccolti due volte (a distanza di 30 minuti) per il confronto (n = 101).

Sono state viste differenze significative pre e post-intervento nel dolore nel gruppo di intervento ma non in quello di controllo. Anche l’ansia, la depressione e le valutazioni di benessere sono migliorate in modo simile solo per il gruppo di intervento. Non ci sono state differenze pre e post intervento nella pressione sanguigna o nella frequenza cardiaca per nessuno dei due gruppi.

“I risultati di questo nuovo studio contribuiscono a importanti conoscenze sul potenziale valore dei cani da terapia per influenzare l’esperienza del dolore dei pazienti e le relative misure di ansia, depressione e benessere” concludono gli autori.

PLoS One. 2022 Mar 9;17(3):e0262599. doi: 10.1371/journal.pone.0262599. eCollection 2022.

IT-NON-06612-W-03/2024