Carcinoma polmonare nei non fumatori: efficace screening con tomografia computerizzata a basso dosaggio

Uno studio condotto dai ricercatori del Ministero della Salute e del Welfare di Taiwan ha confermato l’efficacia dello screening con tomografia computerizzata a basso dosaggio (TC low-dose) per il tumore al polmone in una popolazione di non fumatori ad alto rischio.
La ricerca è stata presentata in occasione della World Conference on Lung Cancer che si è tenuta a fine gennaio a Singapore.

Il cancro del polmone si sviluppa in modo diverso nelle popolazioni occidentali e asiatiche, il che rende la comprensione della malattia da una prospettiva asiatica una priorità di ricerca. Nei pazienti asiatici con cancro del polmone, l’alterazione genetica più comune è la mutazione dell’EGFR che si verifica più comunemente nel carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC), un tumore che colpisce anche i non fumatori.


A Taiwan, il cancro ai polmoni è la principale causa di mortalità per cancro e il 53% di coloro che sono morti di cancro ai polmoni non hanno mai fumato. Il National Lung Cancer Screening Trial (NLCST) e il NELSON Trials hanno dimostrato che l’uso della tomografia computerizzata a basso dosaggio è efficace per lo screening del cancro del polmone.
La maggior parte degli screening, però, si è concentrata sui fumatori.


I ricercatori, guidati dal dottor Pan Chyr Yang, hanno sviluppato il Taiwan Lung Cancer Screening for Never Smoker Trial (TALENT), uno studio di screening del cancro al polmone a livello nazionale incentrato sui non- fumatori. L’obiettivo di TALENT è anche quello di sviluppare una strategia efficace per lo screening del cancro del polmone nei non fumatori e stabilire un modello di previsione del rischio per identificare la popolazione ad alto rischio che può trarre vantaggio dallo screening TC low-dose.


Sono stati arruolati e seguiti 12.011 partecipanti tra i 55 e i 75 anni e non fumatori tra febbraio 2015 e luglio 2019. Tutti presentano fattori di rischio per il cancro del polmone come una storia familiare di cancro al polmone entro il terzo grado di parentela, esposizione al fumo passivo, tubercolosi o broncopneumopatia cronica ostruttiva.


Poco più di seimila soggetti (il 50%) avevano una storia familiare di cancro ai polmoni e 2.094 (il 17,4%) sono stati considerati positivi allo screening. Di questi, 395 partecipanti (3,3%) sono stati sottoposti a biopsie polmonari o interventi chirurgici. Il cancro del polmone (2,6%) è stato diagnosticato in 313 pazienti, di cui 255 (2,1%) con diagnosi di cancro polmonare invasivo – tutti tranne uno erano adenocarcinoma e il 96,5% è stato diagnosticato con malattia di stadio I. I restanti 81 pazienti avevano una malattia polmonare benigna o un tumore maligno diverso.


La prevalenza del cancro del polmone è stata rispettivamente del 3,2% e del 2,0% nei partecipanti con e senza storia familiare di cancro al polmone. La prevalenza del carcinoma polmonare invasivo è stata rispettivamente del 2,6% e dell’1,6%. Il rischio di cancro ai polmoni è aumentato con il numero di parenti di primo grado con cancro ai polmoni. “L’aspetto più importante è che il 96,5% dei pazienti era allo stadio 0 o 1, e quindi potenzialmente curabile con la chirurgia”, ha detto il dottor Yang. “Lo studio ha rivelato che lo screening TC- low dose per il cancro ai polmoni nei non fumatori ad alto rischio è fattibile […] e che la storia familiare di cancro ai polmoni può aumentare il rischio di cancro ai polmoni”.

Fonte: World Conference on Lung Cancer

IT-NON-03969-W-02/2023