Catetere urinario permanente: fattori di rischio per CAUTI e BSI

I cateteri urinari permanenti (IDC) sono un dispositivo invasivo comune nei pazienti ospedalizzati. Tuttavia, il loro uso è associato a maggiori rischi di sviluppare infezioni del tratto urinario associate al catetere (CAUTI) e infezioni del flusso sanguigno (BSI).
Gli esperti hanno quindi ritenuto necessario esaminare le caratteristiche e gli esiti dei pazienti adulti ricoverati con catetere urinario permanente inserito in ospedale e identificare i fattori di rischio per lo sviluppo di infezioni associate al catetere e di quelle del flusso sanguigno.

È stato condotto uno studio osservazionale retrospettivo su 430 pazienti con cateteri urinari permanenti  ricoverati in unità mediche e chirurgiche di un centro di riferimento ed è stata eseguita un’analisi di regressione logistica multipla per determinare i fattori di rischio indipendenti per lo sviluppo di infezioni del tratto urinario e del flusso ematico.

I dati hanno evidenziato una prevalenza di infezioni del tratto urinario associate al catetere  del 7,4%, mentre i risultati della regressione logistica multipla hanno indicato che con ogni giorno di catetere urinario permanente in situ, la probabilità di sviluppo di infezioni del tratto urinario associate al catetere  aumentava del 9%. Inoltre, l’età, il sesso e il reinserimento del catetere non erano associati allo sviluppo delle infezioni alle vie urinarie.

Pertanto, una maggior durata del catetere urinario permanente  è stata associata a un rischio elevato di sviluppare infezioni del tratto urinario associate al catetere  con i tassi che si sono rivelati superiori ad alcuni di quelli precedentemente pubblicati. 

Non c’era alcuna significatività statistica nella frequenza di infezioni del tratto urinario associate al catetere tra pazienti in unità mediche e chirurgiche, e non sono state trovate variabili statisticamente significative che hanno contribuito allo sviluppo delle infezioni del flusso sanguigno  . Quindi, gli interventi mirati a ridurre i giorni di utilizzo del catetere dovrebbero essere utilizzati per migliorare i tassi di infezioni del tratto urinario associate al catetere .

Fonte: Infection, Disease & Health – https://doi.org/10.1016/j.idh.2022.05.004

https://www.idhjournal.com.au/article/S2468-0451(22)00026-8/fulltext

IT-NON-07323-W-06/2024