Chi soffre di scompenso cardiaco sviluppa depressione e ansia più spesso dei pazienti oncologici

Quasi un paziente su quattro che soffre di scompenso cardiaco è depresso o ansioso, secondo uno studio pubblicato sull’European Journal of Preventive Cardiology. I pazienti con insufficienza cardiaca hanno mostrato infatti di avere il 20% in più di probabilità di sviluppare questi problemi di salute mentale durante i cinque anni successivi alla diagnosi rispetto a quelli con cancro.


Il trattamento delle malattie mentali nei pazienti oncologici è un servizio consolidato da tempo, ma per i malati di cuore siamo ancora agli inizi. Il nostro studio suggerisce che i pazienti con insufficienza cardiaca potrebbero beneficiare di un maggiore supporto con problemi psicologici” afferma Mark Luedde, del Cardiological Group Practice, Bremerhaven, in Germania, che ha diretto il lavoro.


I ricercatori hanno esaminato la frequenza con cui la depressione o l’ansia si sono verificate in compresenza con l’insufficienza cardiaca rispetto a vari tipi di cancro, utilizzando le informazioni del German Disease Analyzer, un database rappresentativo a livello nazionale, che comprende circa il 3% delle pratiche ambulatoriali. L’analisi ha incluso adulti con una diagnosi iniziale di insufficienza cardiaca, cancro al seno, cancro alla prostata o cancro gastrointestinale per un totale di 96.772 pazienti con insufficienza cardiaca, 21.261 pazienti con cancro al seno, 16.478 pazienti con cancro alla prostata e 29.479 pazienti con cancro gastrointestinale.


Gli esperti hanno visto che entro cinque anni dalla diagnosi, il 23,1% dei pazienti con insufficienza cardiaca ha sviluppato depressione o ansia rispetto al 25,7%, 22,1% e 15,0% dei pazienti con cancro al seno, all’apparato digerente e alla prostata. Rispetto ai pazienti con cancro in generale, i pazienti con insufficienza cardiaca hanno mostrato un rischio significativamente più elevato di sviluppare depressione o ansia con un rapporto di rischio di 1,20. Più specificamente, il rischio di depressione o ansia per i pazienti con insufficienza cardiaca era superiore del 66% a quello delle persone con cancro alla prostata e del 17% a quello delle persone con cancro gastrointestinale. I rischi di depressione e ansia erano simili tra i pazienti con insufficienza cardiaca e nelle pazienti con cancro al seno. In tutti e quattro i gruppi, l’incidenza di depressione e ansia è aumentata continuamente nei cinque anni di follow-up.


I ricercatori ritengono che la crescente incidenza di problemi psicologici nel tempo sia nello scompenso cardiaco che nel cancro potrebbe essere dovuta a limitazioni nelle attività quotidiane causate da affaticamento, mobilità ridotta e altri sintomi debilitanti.


“I servizi di supporto psicologico per i pazienti con cancro sono relativamente comuni. Tuttavia, è necessario più aiuto per le persone con insufficienza cardiaca, di cui quasi un quarto sviluppa depressione o ansia dopo la diagnosi” conclude Luedde.


Fonte: European Journal of Preventive Cardiology

IT-NON-04912-W-06/2023