Chirurgia bariatrica migliora la respirazione nei pazienti obesi

I soggetti obesi sottoposti a chirurgia bariatrica potrebbero trovare più facile respirare dopo l’intervento. Lo suggerisce uno studio condotto su 51 pazienti da Susan Copley dell’Imperial College Healthcare NHS Trust di Londra, secondo cui la perdita di peso che deriva dalla chirurgia bariatrica migliora l’aspetto dei polmoni e delle vie aeree alla TC, e corrisponde ad un miglioramento della dispnea e della funzionalità polmonare.

L’obesità potrebbe rendere difficile la respirazione, indebolendo i muscoli respiratori e costringendo il paziente ad un lavoro più duro per forzare l’ingresso e l’uscita dell’aria dai polmoni.

Al di là delle dimensioni ridotte, lo studio è limitato anche dal fatto che i ricercatori hanno controllato soltanto la TC di piccole porzioni del polmone per minimizzare l’esposizione alle radiazioni, il che significa che la reale portata delle anomalie delle vie aeree potrebbe essere stata sottostimata, ma i risultati comunque suggeriscono che il miglioramento della funzionalità respiratoria possa essere aggiunto ai benefici della chirurgia dimagrante.

Lo studio infatti ha dimostrato l’evidenza obiettiva dell’incremento del diametro della trachea e della riduzione dell’intrappolamento dell’aria con la perdita di peso conseguente alla chirurgia bariatrica, ed inoltre il miglioramento osservato nella dispnea è verosimilmente correlato a quello delle meccaniche respiratorie e dell’ostruzione all’efflusso. 

Fonte: Radiology online 2020