Chirurgia bariatrica nei pazienti con reflusso

Per quanto la gastrectomia a manicotto sia recentemente emersa come tipologia di intervento predominante per la chirurgia bariatrica negli USA, la letteratura suggerisce che il bypass gastrico laparoscopico Roux-en-Y possa risultare maggiormente efficace nel normalizzare la fisiologia gastroesofagea per il sottogruppo di pazienti con reflusso.

Un recente studio ha esplorato i profili della pratica clinica nel tempo per i pazienti con reflusso o ernia iatale, una comorbidità correlata, sottoposti a chirurgia bariatrica.

Un totale di 130.772 pazienti è stato sottoposto a bypass gastrico laparoscopico Roux-en-Y nel 2015, che sono aumentati a 161.275 nel 2018.

Il 38,4% dei pazienti presentava reflusso preesistente, mentre ciò accadeva nel 27,55% dei casi nei pazienti sottoposti a gastrectomia a manicotto.

I pazienti con reflusso preesistente avevano maggiori probabilità di essere sottoposti a bypass gastrico.

La riparazione concomitante delle ernie iatali era meno comune nei pazienti sottoposti a bypass gastrico in tutti gli anni considerati.

I pazienti bariatrici con reflusso preesistente dunque hanno probabilità sempre maggiori di essere sottoposti a bypass gastrico laparoscopico Roux-en-Y, coerentemente con quanto emerge dalla letteratura.

Nonostante il crescente riconoscimento del fenomeno del reflusso nei pazienti bariatrici, persiste una significativa discrepanza nella gestione dell’ernia iatale in base al tipo di intervento bariatrico praticato. 

Fonte: Obes Surg online 2020

IT-NON-02484-W-06/2022