Classificazione dei soggetti con rischio intermedio di malattia cardiovascolare aterosclerotica: il CAC può aiutare

Il punteggio del calcio coronarico (CAC) in aggiunta alla valutazione dei fattori di aumento del rischio può essere usato per classificare più accuratamente gli individui con un rischio intermedio di malattia cardiovascolare aterosclerotica (ASCVD) che potrebbero trarre beneficio dalla terapia con statine. Questo è quanto riferisce uno studio pubblicato su JAMA Cardiology, e diretto da Jaideep Patel, del Virginia Commonwealth University Medical Center, Richmond e del Johns Hopkins Ciccarone Center for the Prevention of Cardiovascular Disease, Baltimora, Stati Uniti.


“Le linee guida 2018 dell’American Heart Association/American College of Cardiology sulla gestione del colesterolo nel sangue raccomandano l’uso della valutazione dei fattori di aumento del rischio e l’uso selettivo del punteggio CAC per l’assegnazione della terapia con statine tra gli individui con un rischio intermedio di malattia cardiovascolare aterosclerotica” spiega Patel. “Noi abbiamo voluto esaminare proprio l’associazione tra fattori di aumento del rischio e ASCVD incidente per carico di CAC tra le persone a rischio intermedio di ASCVD” prosegue.


Sono stati inclusi un totale di 1.688 partecipanti. Di questi, 648 individui (38,4%) erano bianchi, 562 (33,3%) erano neri, 305 (18,1%) erano ispanici e 173 (10,2%) erano cinesi americani. Un totale di 722 partecipanti (42,8%) aveva un punteggio CAC di 0. Tra quelli con uno o due fattori di aumento del rischio rispetto a quelli con tre o più fattori di aumento del rischio, la prevalenza di un punteggio CAC di 0 era del 45,7% rispetto a 40,3 %. Su un follow-up mediano di 12,0 anni, il tasso di incidenza non aggiustato di ASCVD tra le persone con un punteggio CAC di 0 era inferiore a 7,5 eventi per 1000 anni-persona per tutti i fattori individuali che aumentano il rischio, ad eccezione dell’indice caviglia-braccio, per il quale il tasso di incidenza era di 10,4 eventi per 1000 anni-persona, e per le combinazioni di fattori che aumentano il rischio.


L’analisi dei dati ha mostrato che l’aggiunta individuale e composita di fattori di aumento del rischio ai fattori tradizionali era associata al miglioramento dell’area sotto la curva ROC.


I ricercatori sottolineano che tra i partecipanti con punteggi CAC pari a 0 la presenza di fattori di aumento del rischio non era generalmente associata a un rischio complessivo di ASCVD superiore alla soglia di trattamento raccomandata per l’inizio della terapia con statine, e che l’uso del punteggio CAC è stato associato a miglioramenti significativi nella riclassificazione e discriminazione dell’ASCVD incidente.


“I risultati di questo studio supportano l’utilità del punteggio CAC in aggiunta alla valutazione del fattore di aumento del rischio per classificare più accuratamente gli individui con un rischio intermedio di ASCVD che potrebbero trarre beneficio dalla terapia con statine” concludono gli autori.


Fonte: JAMA Cardiology