Combinazione di IA e capacità umana migliora diagnosi cancro pelle

Secondo uno studio condotto dall’Università del Queensland, l’intelligenza artificiale (IA) usata in combinazione con controlli clinici umani migliora l’accuratezza diagnostica del cancro della pelle. 

Il team ha testato per la prima volta se un approccio collaborativo nel “mondo reale”, che coinvolge i clinici assistiti dall’IA, migliori l’accuratezza dei processi decisionali clinici sul cancro della pelle.

I ricercatori hanno formato e testato una rete neurale convoluzionale artificiale per analizzare le lesioni cutanee pigmentate e hanno confrontato i risultati con le valutazioni umane su tre tipi di supporto decisionale basato sull’IA.

Nel lavoro, la massima accuratezza diagnostica è stata raggiunta quando la saggezza delle persone e le previsioni dell’intelligenza artificiale sono state combinate, suggerendo che le collaborazioni tra le due entità sono preferibili ai singoli esperti o alla sola IA.

Il supporto decisionale dell’intelligenza artificiale ha lentamente iniziato a infiltrarsi nei contesti sanitari, eppure pochi studi hanno testato le sue prestazioni in contesti reali o il modo in cui i medici vi interagiscono.

Sebbene il software di diagnostica abbia dimostrato un’accuratezza a livello esperto in diversi studi medici basati su immagini, i ricercatori finora non avevano capito se il suo utilizzo migliorasse la pratica clinica. Ora questo studio ha rilevato che un supporto di AI di buona qualità è utile ai medici, ma deve essere semplice, concreto e conforme a un determinato compito.

Fonte: Nature Medicine

IT-NON-03240-W-11/2022