Come varia il rischio di demenza e insufficienza cardiaca nei pazienti con artrite reumatoide

L’Artrite reumatoide (Ar) è una malattia infiammatoria autoimmune che causa dolore, gonfiore e rigidità delle articolazioni. Può anche causare affaticamento, e l’infiammazione sottostante può influenzare altri sistemi del corpo. La demenza è un sintomo di danno al cervello, che può essere causato da una serie di malattie diverse, per esempio, l’Alzheimer. I sintomi includono perdita di memoria, difficoltà di concentrazione, confusione e cambiamenti d’umore. Non si sa cosa causi tutti i tipi di demenza, ma si pensa che alcuni dei danni possano essere causati da altre malattie sottostanti.


L’insufficienza cardiaca è una delle condizioni cardiovascolari più comuni nelle persone con Ar, e studi precedenti hanno suggerito che questa popolazione di pazienti ha il doppio delle probabilità di sviluppare insufficienza cardiaca rispetto alle persone senza artrite reumatoide. Per la demenza, gli studi precedenti hanno fornito risultati contrastanti circa il modello di deterioramento cognitivo e demenza nelle persone con Ar rispetto alla popolazione generale. Inoltre, gli studi esistenti non hanno valutato le tendenze nell’incidenza della demenza o dell’insufficienza cardiaca per vedere se i rischi sono cambiati nel tempo.


Ora due gruppi hanno valutato l’incidenza nel tempo della demenza o dell’insufficienza cardiaca nelle persone con Ar, confrontandoli con la popolazione generale.


Il primo team ha valutato l’incidenza della demenza nel tempo nelle persone con Ar e l’ha confrontata con quella vista nella popolazione generale. Sono stati raccolti i dati di 895 persone che hanno ricevuto una diagnosi di Ar tra il 1980 e il 2009. Tutti i partecipanti sono stati seguiti fino alla morte, alla migrazione o al 31 dicembre 2019 per vedere se hanno continuato a sviluppare la demenza. L’incidenza cumulativa a 10 anni della demenza nelle persone che hanno ricevuto diagnosi durante gli anni 1980, 1990 e 2000 è stata rispettivamente di 12,7%, 7,2% e 6,2%, mostrando un chiaro declino e un’incidenza cumulativa nettamente inferiore di demenza per le persone con diagnosi di Ar negli anni 2000 rispetto a quelle che erano state diagnosticate nel 1980.


Per 880 persone della popolazione generale, l’incidenza cumulativa di 10 anni di demenza negli anni ’80, ’90 e 2000 è stata rispettivamente del 9,3%, 5,0% e 7,1%.


Complessivamente, il rischio di demenza nei pazienti con Ar è stato significativamente più alto che nelle persone senza la condizione. Dopo aver suddiviso per decennio, il rischio di demenza nelle persone con diagnosi di Ar resta più alto rispetto ai comparatori non Ar negli anni ’80 e ’90, ma non negli anni 2000.


Il secondo team ha usato gli stessi metodi per guardare alle tendenze di insufficienza cardiaca in 905 persone con diagnosi di Ar tra il 1980 e il 2009 seguite fino alla morte, migrazione, o al 31 dicembre 2019.


L’incidenza cumulativa di 10 anni di insufficienza cardiaca in persone con diagnosi di Ar negli anni 1980, 1990 e 2000 è stata rispettivamente di 8,5%, 10,8% e 7,1%. Questi risultati mostrano che non c’era alcuna differenza nell’incidenza di insufficienza cardiaca negli anni ’90 e 2000 rispetto agli anni ’80.


Per 903 persone nella popolazione generale nello stesso periodo di tempo l’incidenza di insufficienza cardiaca è stata di 7,4%, 7,5%, e 7,3%. Quando si confronta il rischio di insufficienza cardiaca in persone con e senza Ar, si vede che i primi negli anni 2000 non avevano un rischio eccessivo di insufficienza cardiaca rispetto alla popolazione generale. Questo risultato è in contrasto con il raddoppio del rischio osservato nelle persone che hanno ricevuto una diagnosi di Ar nel 1980, e di quello di circa 1,5 volte del 1990.


Secondo gli esperti, ulteriori lavori dovrebbero indagare queste associazioni e studiare il ruolo dell’infiammazione, autoimmunità e trattamenti antireumatici nel rischio di demenza e insufficienza cardiaca.


Fonte: Eular 2021

IT-NON-05076-W-07/2023