Complicazioni neurologiche del Covid-19 nei bambini

Le manifestazioni neurologiche del Covid-19 nei bambini sono rare e sono state descritte principalmente in singoli casi clinici, quindi fin ora è stato difficile considerare lo spettro di sintomi neurologici causato dall’infezione in età pediatrica.


Un lavoro pubblicato di recente dalla rivista The Lancet analizza le anomalie del sistema nervoso associate all’infezione da Sars-CoV-2 in 38 bambini. “Grazie a un’importante collaborazione internazionale, abbiamo scoperto che le manifestazioni di neuroimaging dell’infezione da Covid-19 nei bambini potevano variare da lievi a gravi e che le condizioni preesistenti erano generalmente assenti”, spiega Susan Palasis, co-autrice dello studio.


I casi di bambini con malattia neurologica correlata all’infezione analizzati provenivano dalla Francia (13), dal Regno Unito (8), dagli Stati Uniti (5), dal Brasile (4), dall’Argentina (4), dall’India (2), dal Perù (1) e dall’Arabia Saudita (1).
I modelli di imaging più comuni erano cambiamenti cerebrali simili a encefalomielite acuta disseminata immuno-mediata postinfettiva (16 pazienti), mielite (otto pazienti) e potenziamento neurale (13 pazienti). Il potenziamento del nervo cranico potrebbe verificarsi in assenza di sintomi neurologici corrispondenti. Gli autori precisano che le complicanze cerebrovascolari nei bambini erano meno comuni che negli adulti.


Nella maggior parte dei bambini l’infezione si è risolta, ma in quattro casi, delle co-infezioni atipiche del SNC sono risultate fatali.
“L’attenzione agli effetti neurologici del Covid-19 e il riconoscimento delle manifestazioni di neuroimaging che si possono incontrare nei bambini possono facilitare una diagnosi corretta e tempestiva, mitigare la diffusione della malattia e prevenire una significativa morbilità e mortalità”, commenta Palasis.


Fonte: The Lancet, 2021

IT-NON-04214-W-03/2023