Con la schizofrenia aumenta il rischio di commettere violenza

Una revisione sistematica e metanalisi – coordinata da Seena Fazel, professoressa di psichiatria forense presso l’Università di Oxford –   indica che i soggetti con disturbi dello spettro schizofrenico hanno maggiori probabilità di commettere azioni violente rispetto alle controparti che non soffrono di tali patologie.

I ricercatori hanno esaminato i dati di 24 studi che hanno analizzato la perpetrazione della violenza in 50.309 individui con disturbi dello spettro schizofrenico, rispetto a una coorte di soggetti senza tali disturbi facenti parte della popolazione generale.

In tali studi, la violenza è stata rilevata tramite documenti della polizia o governativi, autosegnalazioni o segnalazioni collaterali, o cartelle cliniche. Gli atti di violenza includevano aggressioni fisiche, reati sessuali, minacce o intimidazioni e incendio doloso.

Rispetto alle persone senza disturbi dello spettro schizofrenico, la perpetrazione della violenza era significativamente più comune negli uomini (odds ratio aggregato 4,5) e nelle donne (OR aggregato 10,2) con schizofrenia e altre psicosi, segnalano i ricercatori su JAMA Psychiatry.

“Ora vi sono ottime evidenze del fatto che i sintomi dei disturbi dello spettro schizofrenico, tra cui certe convinzioni anomale sull’essere perseguitati o in procinto di essere attaccati, possono causare violenza”, osserva l’autrice principale Seena Fazel. “L’uso scorretto di farmaci e alcool potrebbe esacerbare i sintomi, contribuire alla disinibizione e causare interruzioni delle cure mediche e del supporto sociale. Altri sintomi più generali come impulsività, labilità dell’umore e pensiero disorganizzato potrebbero altresì contribuire ad aggressione e violenza”

Il rischio assoluto di perpetrazione della violenza negli individui con disturbi dello spettro schizofrenico era pari a 1 su 20 nelle donne e 1 su 4 negli uomini nella sottoserie di studi basati su registri che hanno fornito i dati per questa analisi.

I ricercatori hanno rilevato un rischio significativamente più elevato di perpetrazione di reati sessuali (OR 5,1) e omicidio (OR 17,7), ma non disponevano di dati sufficienti per eseguire un’analisi aggregata sulla perpetrazione di incendi dolosi.

Fonte: JAMA Psychiatry