Confermata la sicurezza della terapia con cellule staminali per il dolore cronico al ginocchio

Un recente studio ha confermato la sicurezza di un nuovo tipo di terapia cellulare per il dolore al ginocchio causato dall’osteoartrosi. Il lavoro è stato progettato per confermare che questo trattamento, che comporta il trapianto di cellule staminali mesenchimali del paziente stesso (Msc) nel ginocchio colpito, non causi tumori.


I risultati hanno mostrato che cinque anni dopo il trapianto gli strappi al menisco del ginocchio legati all’osteoartrosi erano guariti e, cosa altrettanto importante, nessuno dei pazienti aveva sperimentato effetti collaterali gravi dal trattamento. Il menisco è una cartilagine a forma di mezzaluna nell’articolazione del ginocchio che svolge un ruolo nell’assorbimento degli urti. I danni al menisco dovuti all’età portano spesso alla progressione dell’osteoartrosi del ginocchio.


Il dolore cronico al ginocchio è un problema importante per l’invecchiamento, che colpisce circa il 25% di tutti gli adulti, secondo i Centers for Disease Control and Prevention. L’osteoartrosi è la causa più comune di questa condizione nelle persone dai 50 anni in su. Insieme al dolore, che può essere debilitante, i problemi al ginocchio possono influenzare significativamente la mobilità della persona e la qualità della vita.


La chirurgia di sostituzione del ginocchio è il gold standard di trattamento, con la maggior parte delle persone che sperimentano una drastica riduzione del dolore e, quindi, un miglioramento della loro capacità di vivere una vita normale. Tuttavia, anche se in rari casi, questo tipo di chirurgia comporta dei rischi come la possibilità di infezione.


Le terapie cellulari stanno mostrando un grande potenziale poiché sono un modo meno invasivo per trattare le lesioni al ginocchio difficili da guarire.


Gli autori dello studio hanno recentemente sviluppato una terapia che prevede il trapianto di Msc derivate dal tessuto molle del ginocchio (la sinovia) nel menisco ferito. Le Msc sono cellule staminali adulte multipotenti presenti nel cordone ombelicale, nel midollo osseo, nel grasso, nei denti e in altri tessuti del corpo. La loro capacità di secernere molecole biologicamente attive che esercitano effetti benefici sui tessuti feriti le rende un obiettivo promettente nella medicina rigenerativa.


Tuttavia, alcuni trattamenti con le cellule staminali sono noti per causare tumori, motivo per cui il team voleva assicurarsi che la terapia fosse priva di effetti collaterali negativi. In particolare, voleva indagare la sicurezza di qualsiasi Msc che potrebbe mostrare un tipo di disturbo cromosomico chiamato trisomia 7.


La trisomia 7 si verifica frequentemente in pazienti con gravi malattie del ginocchio come l’osteoartrosi. Il suo rilevamento nelle cellule epiteliali è stato associato alla formazione di tumori. Tuttavia, la sicurezza di queste cellule dopo il trapianto non era stata finora studiata.


Ai 10 pazienti reclutati per lo studio sono state trapiantate le loro stesse cellule staminali nelle articolazioni del ginocchio colpite e sono poi stati seguiti con risonanze magnetiche nei cinque anni successivi. La trisomia 7 è stata osservata in tre pazienti, ma in nessuno di loro sono stati osservati gravi eventi avversi, compresa la formazione di tumori.



Il lavoro ha considerato le cellule staminali autologhe, mentre quelle allogeniche, provenienti da un donatore, devono ancora essere studiate.


Fonte: Stem Cells Translational Medicine

IT-NON-05321-W-09/2023