Controllare i fattori di rischio per l’ipertensione da giovani potrebbe limitare i problemi in età avanzata

Un nuovo studio pubblicato sull’American Journal of Hypertension evidenzia l’importanza di considerare i fattori precoci che fanno aumentare il rischio di pressione alta più avanti nella vita.


“Per la maggior parte degli individui, la pressione sanguigna è correlata a molteplici fattori di rischio. Abbiamo cercato di identificare i fattori di rischio discriminanti e le interazioni che sono associati al mantenimento di una pressione arteriosa normale per 30 anni, e di comprendere quali segmenti di una popolazione abbiano un’alta probabilità di mantenere una pressione arteriosa normale” afferma Orna Reges, della Northwestern Feinberg School of Medicine, Chicago, che ha guidato il gruppo di lavoro.


I ricercatori hanno studiato i dati dei partecipanti allo studio Coronary Artery Risk Development in Young Adults, di età compresa tra 18 e 30 anni, con livelli normali di pressione arteriosa al basale.


Dei 3.156 partecipanti, 1132 (35,9%) hanno mantenuto una pressione arteriosa normale durante il periodo di follow-up e 2.024 (64,1%) hanno sviluppato una pressione arteriosa più elevata. Una pressione sistolica all’interno dell’intervallo normale, l’etnia e l’indice di massa corporea (IMC) sono stati i fattori più discriminanti tra i partecipanti che hanno mantenuto la pressione normale durante la mezza età e quelli che hanno sviluppato una pressione arteriosa più elevata.


I partecipanti con un livello di pressione arteriosa sistolica al basale ≤92 mmHg e le donne caucasiche con IMC al basale <23 kg/m2 erano i due segmenti della popolazione con la più alta probabilità di mantenere la pressione arteriosa normale per tutta la mezza età (rispettivamente 69,2% e 59,9%).


Tra i partecipanti afro-americani di età > 26,5 anni con IMC > 27 kg/m 2, solo il 5,4% dei partecipanti ha mantenuto la pressione arteriosa normale per tutta la mezza età.


“Studi futuri dovrebbero esaminare se le politiche per conservare IMC e pressione arteriosa ben al di sotto delle soglie cliniche durante la giovane età adulta e la mezza età possano ridurre l’ipertensione in età avanzata” concludono gli autori.


Fonte: American Journal of Hypertension

IT-NON-05011-W-07/2023