Covid-19: la metà delle sopravvissute al cancro al seno riporta ritardi nelle cure a causa della pandemia

Quasi la metà delle pazienti affette da cancro al seno negli Stati Uniti ha subito ritardi nelle cure durante le prime settimane della pandemia di Covid-19. Lo suggeriscono i risultati di uno studio condotto da ricercatori dell’Università dell’Illinois di Chicago, pubblicato sulla rivista Breast Cancer Research and Treatment. Lo studio è stato avviato in seguito a diffuse segnalazioni di ritardi nell’assistenza al cancro o di procedure annullate all’inizio della pandemia: “volevamo capire con precisione le dimensioni di ciò che stava accadendo”, commenta Elizabeth Papautsky, insegnante presso l’UIC College of Applied Health Sciences.


Papautsky e la coautrice Tamara Hamlish, ricercatrice nel programma di sopravvivenza al cancro presso l’Università dell’Illinois Cancer Center, hanno sviluppato un questionario che chiedeva informazioni sui ritardi nelle cure. Hanno distribuito il questionario ai gruppi di sopravvissute al cancro al seno negli Stati Uniti sui social media e via e-mail. Tra il 2 e il 27 aprile, i ricercatori hanno ricevuto 609 risposte. Il questionario ha cercato di identificare quali tipi di cure sono state ritardate: chemioterapia, radiazioni, chirurgia del cancro, trattamento ormonale o appuntamenti di follow-up di routine. C’erano anche domande demografiche su razza ed età.


Il 63% delle intervistate stava attualmente ricevendo cure per il cancro e l’età media era di 47 anni. Il 44% ha riportato un ritardo nelle cure. Nella maggior parte dei casi si trattava di ritardi riguardanti gli appuntamenti di follow-up di routine (79%), la chirurgia di ricostruzione del seno (66%), la diagnostica per immagini (60%) e test di laboratorio (50%). Circa il 30% delle donne ha riportato ritardi nelle terapie oncologiche ospedaliere o cliniche, tra cui radiazioni (30%), terapie infusionali (32%) e rimozione chirurgica del tumore (26%).


Gli autori hanno inoltre osservato che le donne più giovani hanno avuto maggiori probabilità di subire ritardi. “Pensiamo che ciò abbia a che fare con l’annullamento della terapia ormonale per la soppressione ovarica che viene somministrata alle donne con determinati tipi di cancro al seno, in genere si tratta di pazienti più giovani”, spiega Papautsky. L’età è l’unica variabile demografica ad avere un impatto sulla probabilità di un ritardo nell’assistenza. 


Hamlish conclude: “nel complesso, vediamo che c’è un grave divario nella preparazione alle catastrofi quando si tratta di fornire cure critiche e spesso sensibili al tempo per le pazienti con cancro al seno”.


Fonte: Breast Cancer Research and Treatment

IT-NON-05306-W-09/2023