Covid: Speranza, con treno sanitario ‘Ssn va dove c’è più bisogno’

Sui binari ’21 posti letto di terapia intensiva per rafforzare territori in difficoltà’


“Siamo qui per la partenza simbolica di questo treno che sarà un esempio, un modello importante di un Servizio sanitario nazionale che va dove ce n’è bisogno”. Per il ministro della Salute, Roberto Speranza, si riassume così il senso più profondo del progetto presentato oggi a Roma: un treno sanitario da mettere su rotaia in caso di emergenze sanitarie come appunto Covid-19. 


“I 21 posti letto di terapia intensiva-subintensiva ci mettono in condizioni di rafforzare un territorio dove c’è una difficoltà – osserva il ministro, intervenendo all’evento promosso da Ferrovie dello Stato – È questa un’idea di prossimità, di un Servizio sanitario nazionale che va dove c’è un problema. E credo che segnali una direzione di marcia, esattamente quella giusta”. Il progetto nasce da una collaborazione fra Ferrovie dello Stato, Protezione civile e Azienda regionale emergenza urgenza (Areu) Lombardia: a bordo del convoglio ingegnerizzato nelle officine Fs di Voghera 21 posti letto, tutti equipaggiabili con strumentazioni di vario livello, fino alla terapia intensiva. Potrà essere usato in varie circostanze estreme, dalle evacuazioni mediche alle emergenze sanitarie come la pandemia di Covid-19 o in caso di calamità naturali. 


“Lavoriamo insieme per portare il Paese il più presto possibile fuori da questa emergenza”, è dunque l’invito di Speranza che ha voluto anche ringraziare tutte le persone “che in ogni angolo del nostro Paese fanno tutto quel che possono per combattere questa epidemia”.


Fonte: Adnkronos Salute

IT-NON-04142-W-03/2023