Covid: von der Leyen, ‘Omicron dominante in Ue entro metà gennaio’

‘Triste, anche questo Natale sarà oscurato dalla pandemia’


I numeri “crescenti” di casi positivi al Sars-CoV-2, di malati di Covid-19, di ricoveri in ospedale e di morti in Europa sono dovuti “quasi esclusivamente” alla variante Delta, mentre “all’orizzonte” si profila la variante Omicron, che è “ancora più contagiosa”, provocando un numero di casi che “raddoppia ogni due o tre giorni”. Entro “metà gennaio” la variante identificata per la prima volta in Sudafrica sarà “dominante” nel Vecchio Continente. Lo dice la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen, durante la plenaria del Parlamento Europeo a Strasburgo.


La Commissione, afferma Von der Leyen, segue la situazione “con un misto di preoccupazione e di fiducia. Sono triste, come molti di voi, per il fatto che il Natale sarà oscurato ancora una volta dalla pandemia. Ma d’altra parte ho fiducia, perché abbiamo la forza e i mezzi per superare la pandemia nel lungo termine. Ora fronteggiamo una doppia sfida: i casi di Covid-19 sono aumentati in modo massiccio in Europa. Ci sono alcuni Stati membri che hanno i tassi di contagio più alti di sempre”. 


“Vediamo un numero crescente di persone che si ammalano – aggiunge – un carico che si aggrava sugli ospedali e purtroppo un aumento del numero dei morti. E’ importante essere consapevoli del fatto che questo grande aumento del numero dei contagi è dovuto quasi esclusivamente alla variante Delta. Quello che mi preoccupa è che ora vediamo una nuova variante, Omicron, all’orizzonte, che apparentemente è ancora più contagiosa. I casi sembrano raddoppiare ogni due o tre giorni. Ci dicono – conclude – che entro metà gennaio dovremmo aspettarci che Omicron sia la variante dominante in Europa”.  

Fonte: Adnkronos Salute

IT-NON-06136-W-12/2023