Cure palliative nella LMA avanzata

Le cure palliative nelle prime fasi della terapia antitumorale migliorano la qualità della vita dei pazienti affetti da leucemia mieloide acuta (LMA) avanzata. È quanto suggerisce uno studio americano pubblicato dalla rivista JAMA Oncology.


L’Organizzazione Mondiale della Sanità definisce le cure palliative come “un approccio che migliora la qualità della vita dei pazienti e delle loro famiglie che affrontano il problema associato a malattie potenzialmente letali, attraverso la prevenzione e il sollievo della sofferenza, l’identificazione precoce e la valutazione e il trattamento di dolore e altri problemi, fisici, psicosociali e spirituali”.


Diversi studi hanno dimostrato che le cure palliative migliorano la qualità della vita, riducono la gravità dei sintomi e lo stress psicologico e migliorano le cure di fine vita per i pazienti con tumori solidi. “È stato fatto molto lavoro sull’integrazione delle cure palliative per i pazienti con tumori solidi, ma è stata prestata meno attenzione all’integrazione delle cure palliative per i pazienti con tumori del sangue”, commenta Areej El-Jawahri, ematologo-oncologo presso il Massachusetts General Hospital (MGH) Cancer Center. “Ci sono state molteplici barriere all’integrazione delle cure palliative in questa popolazione, inclusa l’errata percezione che le cure palliative siano delle cure di fine vita”.


È stato dimostrato che le cure palliative migliorano la qualità della vita e riducono lo stress psicologico per i pazienti sottoposti a trapianto di midollo osseo per il trattamento dei tumori del sangue, ma “gli oncologi raramente valutano le cure palliative per i pazienti con LMA, in parte a causa della mancanza di prove sul ruolo delle cure palliative precoci in questa popolazione”, scrivono El-Jawahri e colleghi.


Per lo studio sono stati reclutati 160 adulti trattati presso quattro centri oncologici per la LMA avanzata. “È il primo studio randomizzato multi-sito in cui l’intervento consiste nella somministrazione di cure palliative a pazienti con un tumore del sangue”, precisa l’oncologo Thomas W. LeBlanc.
I pazienti assegnati all’intervento di cure palliative e oncologiche integrate hanno incontrato specialisti in cure palliative che si sono concentrati sullo stabilire una relazione con ciascun paziente, valutarne le esigenze, trattare i sintomi, comprendere i loro obiettivi e le aspettative rispetto al trattamento e aiutarli a prendere decisioni in merito alla loro terapia.

I pazienti assegnati alle cure abituali hanno ricevuto misure di supporto dal loro team di oncologia e sono stati autorizzati a ricevere cure palliative se loro o il loro oncologo lo richiedevano. Solo sei dei 74 pazienti assegnati alle cure abituali hanno ricevuto cure palliative nelle prime fasi della malattia. I pazienti del gruppo di intervento hanno riportato una qualità della vita significativamente migliore e livelli più bassi di depressione, ansia e disturbo da stress post traumatico a due settimane fino a 24 settimane dal trattamento.


“Non si tratta solo di cure di fine vita”, commenta El-Jawahri, ma di trovare un modo per aiutare i pazienti a vivere nel miglior modo possibile il più a lungo possibile”.


Fonte: JAMA Oncology

IT-NON-03751-W-01/2023