DA: se presenti dolore e prurito i pazienti sono più insoddisfatti dei trattamenti

Secondo uno studio portato avanti in Giappone, e pubblicato su Current Medical Research and Opinion, i medici dovrebbero prendere in considerazione approcci terapeutici alternativi e nuovi per la gestione del prurito e del dolore cutaneo nei pazienti con dermatite atopica (DA) che soffrono di entrambi i problemi, data l’attuale scarsa soddisfazione.

“Il prurito è un sintomo comune della dermatite atopica, tuttavia, vi sono prove limitate dell’associazione del dolore cutaneo al prurito, e della frequenza con cui questa si presenta”, spiega Kenji Kabashima, della Kyoto University Graduate School of Medicine, primo autore del lavoro.

I ricercatori hanno valutato il doppio carico incrementale e l’impatto del prurito e del dolore cutaneo sulla soddisfazione, sulla qualità della vita e sulla produttività del lavoro nei pazienti con DA in Giappone. Gli esperti hanno preso i dati da un’indagine puntuale sui dermatologi (n = 56) e sui loro pazienti con storia di Dermatite Atopica moderata/grave (n = 265). I pazienti sono stati raggruppati in base alla loro situazione, ovvero nessun prurito/dolore cutaneo (No I/SP, gruppo di riferimento, n = 89), prurito/nessun dolore cutaneo (solo I, n = 71) e prurito e dolore cutaneo (I + SP, n = 26).

I pazienti I + SP avevano un punteggio POEM peggiore di 4,97 punti, e il 14,5% in più di disabilità lavorativa complessiva, rispetto al gruppo di riferimento. I pazienti solo I e I + SP avevano rispettivamente 8,92 e 23,5 volte più probabilità di soffrire di disturbi del sonno su base giornaliera. I pazienti I + SP avevano una probabilità 4,6 volte maggiore di essere disturbati dai loro sintomi, avevano un punteggio EASI medio superiore di 6,7 punti e avevano 1,39 aree in più colpite. I pazienti I + SP avevano una probabilità 7,26 volte maggiore di esprimere insoddisfazione per la mancanza di miglioramento delle loro condizioni e 8 volte più probabilità di essere insoddisfatti della comodità del trattamento.

Fonte: Curr Med Res Opin. 2022 Jul 5;1-10. doi: 10.1080/03007995.2022.2092352.

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/35787197/

IT-NON-07391-W-07/2024