Def 2022. La Camera approva ma chiede più soldi per la sanità

La Camera ha approvato ieri due delle quattro risoluzioni al Def presentate in aula. Si tratta delle risoluzioni di maggioranza a prima firma Crippa e Torto. Della prima non è stato ancora diffuso da Montecitorio il testo. Quanto alla risoluzione Crippa, all’interno dei 12 punti nei quali impegna il governo, questa prevede il potenziamento del Servizio sanitario nazionale da declinarsi anche sul territorio, nella domiciliarità e nella formazione.

Al punto 3) si chiede di “continuare a sostenere la risposta del sistema sanitario”, mentre al punto 7) si chiede al governo di “proseguire nell’azione di incremento delle risorse disponibili, ancorché finanziarie e professionali, ivi incluso il finanziamento dei cicli di specializzazione, per il potenziamento del sistema sanitario nazionale, compresa la domiciliarità, la medicina territoriale, l’assistenza e la terapia domiciliare, il potenziamento, l’adeguamento e rinforzo delle strutture ospedaliere e per il rafforzamento della governance dei distretti socio-sanitari, dando peraltro attuazione all’assistenza territoriale di prossimità con i relativi costi aggiuntivi”.

Tra gli impegni, inoltre, c’è quello di “prevedere la sterilizzazione dei disavanzi sanitari Covid 2021 e 2022 valutando l’opportunità di spalmare i relativi oneri almeno in dieci anni”, ma solo compatibilmente agli obiettivi di finanza pubblica indicati dal Def 2022.

Infine, quanto alle misure di carattere sociale si prevede il rafforzamento delle misure per “affrontare la povertà alimentare ampliando anche il bonus sociale e le crescenti disparità generazionali, territoriali, di genere e salariali, con interventi finalizzati ad invertire il trend demografico del Paese, anche dando piena attuazione agli interventi previsti dal family act”.

“Nella risoluzione di maggioranza sul Documento di Economia e Finanza sono stata accolte molte delle nostre richieste per potenziare il Servizio sanitario nazionale e per fronteggiare le emergenti problematiche di carattere sociale. Abbiamo visto in questi anni che la stagione dei tagli si è rivelata dannosa e ha messo a rischio l’accesso alle cure per migliaia di italiani, per questo è importante il richiamo all’incremento delle risorse disponibili”, commentano in una nota le deputate e i deputati del MoVimento 5 stelle in commissione Affari sociali.

IT-NON-06907-W-04/2024