Demenza associata alla steatosi epatica non alcolica

Le persone che hanno una steatosi epatica non alcolica, possono avere un rischio maggiore di demenza, secondo uno studio pubblicato dalla rivista Neurology.
La steatosi epatica non alcolica può essere dovuta all’obesità e a condizioni correlate come l’ipertensione o il diabete di tipo 2. In una piccola percentuale di persone, può portare a infiammazione del fegato o danni al fegato. “I fattori di rischio comuni sia per la steatosi epatica non alcolica che per la demenza includono disturbi metabolici come ipertensione, diabete e obesità”, ha affermato l’autore dello studioYing Shang, PhD, del Karolinska Institute di Stoccolma. “Abbiamo cercato di determinare se esista un legame tra questa malattia del fegato e il rischio di demenza indipendentemente da questi fattori di rischio”.

Per lo studio, i ricercatori hanno esaminato 30 anni di registri nazionali dei pazienti svedesi e hanno identificato 2.898 persone di età pari o superiore a 65 anni a cui è stata diagnosticata una steatosi epatica non alcolica. I ricercatori hanno quindi identificato 28.357 persone senza la malattia che sono state abbinate per età, sesso e città di residenza all’età della diagnosi. Dopo una media di più di cinque anni di follow-up, a 145 persone con steatosi epatica non alcolica (il 5%) è stata diagnosticata la demenza, rispetto a 1.291 persone senza malattia epatica (il 4,6%). I ricercatori hanno corretto per i fattori di rischio cardiovascolare come la pressione alta e il diabete e hanno scoperto che rispetto alle persone senza malattie del fegato, le persone con steatosi epatica non alcolica avevano un tasso complessivo di demenza superiore del 38%.

Analizzando in modo specifico la demenza vascolare causata da un flusso sanguigno inadeguato al cervello, i ricercatori hanno scoperto che le persone con steatosi epatica non alcolica avevano un tasso del 44% più alto rispetto alle persone senza malattie del fegato. I ricercatori non hanno trovato un tasso più alto di malattia di Alzheimer. Le persone con malattie del fegato che avevano anche malattie cardiache avevano un rischio maggiore di demenza del 50%. Coloro che avevano malattie del fegato e ictus avevano un rischio di demenza più di 2,5 volte maggiore.

Gli autori concludono osservando che, nel loro studio, la steatosi epatica non alcolica era associata a un aumento dei tassi di demenza. Tale associazione era più forte nei pazienti con steatosi epatica non alcolica e diagnosi di comorbidità cardiovascolari.

Fonte: Nonalcoholic Fatty Liver Disease and Risk of Dementia: A Population-Based Cohort Study. Ying Shang, Linnea Widman, Hannes Hagström Neurology Jul 2022, 10.1212/WNL.0000000000200853; DOI: 10.1212/WNL.0000000000200853

https://n.neurology.org/content/early/2022/07/13/WNL.0000000000200853

IT-NON-07524-W-07/2024