Depressione post-parto ancora ignorata da molti medici

I medici non investigano la possibile presenza di depressione in una paziente prima del parto su 5 e in una paziente post-parto su 8.

Per quanto la prevalenza dello screening sia aumentata negli ultimi anni, molte donne soffrono ancora in silenzio. Come affermato da Jean Ko del CDC statunitense, autrice della ricerca che ha rivelato questo stato di cose, la depressione perinatale non rilevata e non trattata può avere conseguenze negative sia per le madri che per i loro bambini.

In alcuni siti è stato osservato un lieve incremento della prevalenza della depressione perinatale, le cui ragioni non sono note.

Le donne potrebbero aver migliorato la propria confidenza nel riportare i sintomi depressivi e con la continua consapevolezza della necessità di effettuare uno screening della depressione in tutte le donne prima e dopo il parto, probabilmente questa tendenza continuerà a migliorare.

Le patologie mentali svolgono un ruolo all’incirca nel 9% dei decessi correlati alla gravidanza, e non investigare la depressioni nelle pazienti rappresenta un’opportunità mancata per la potenziale identificazione e il trattamento delle donne depresse.

L’USPSF raccomanda lo screening della depressione in tutti gli adulti, comprese le donne in gravidanza e nel periodo post-parto.

Il CDC sta attualmente valutando uno studio denominato PRISM atto ad aiutare ginecologi e personale ostetrico a contrastare il significativo problema per la salute pubblica costituito dalla depressione, mirando a chiudere le falle nell’assistenza sanitaria per garantire che le donne con depressione durante e dopo la gravidanza ricevano il miglior trattamento possibile, il che potrebbe determinare un miglioramento dei loro sintomi.

La Health Resource and Services Administration ha finanziato anche alcuni stati per iniziare programmi per supportare i medici in screening, valutazione e trattamento delle donne in gravidanza e post-parto con depressione e altri problemi comportamentali.

Gli stati possono fare uso di iniziative come Healthy Start, visite domiciliari e Title V Maternal and Child Health Services Block Grant come leve per migliorare lo screening e il trattamento della depressione materna.

Lo screening comunque rappresenta soltanto una parte delle iniziative per contrastare la depressione perinatale. I medici dovrebbero indirizzare le pazienti alle risorse appropriate allo scopo di ottenere diagnosi e trattamenti consoni e un’assistenza a valle idonea per la gestione della depressione. 

Fonte:Morb Mortal Wkly Rep 2020