Dermatite atopica nell’adulto: individuato un nuovo sottotipo di malattia con andamento peggiorativo

Un nuovo sottotipo di eczema atopico caratterizzato da un aumento dell’attività della malattia nell’età adulta è stato recentemente osservato in un ampio studio di popolazione, i cui risultati sono stati pubblicati su JAMA Dermatology.

“La dermatite atopica è caratterizzata da un decorso eterogeneo crescente e decrescente, con età variabile di insorgenza e persistenza dei sintomi. Durante l’infanzia sono stati identificati modelli distinti di attività della malattia come insorgenza/risoluzione precoce e malattia persistente; si sa poco dei modelli nell’età adulta” spiega Katrina Abuabara, della University of California San Francisco School of Medicine, che ha diretto il gruppo di lavoro.


I ricercatori hanno valutato i dati di 15.939 individui dal National Childhood Development Study del 1958 e 14.966 persone dal British Cohort Study del 1970 per valutare i modelli di attività della malattia fino alla metà dell’età adulta e determinare la misura in cui i fattori di rischio della prima infanzia e le caratteristiche dei partecipanti abbiano influenzare non solo i sottotipi di eczema atopico, ma anche altre malattie atopiche e la salute generale.


I risultati hanno mostrato quattro tipi di eczema atopico, con probabilità di prevalenza all’aumentare dell’età degli individui, ovvero malattia rara o nessuna malattia (88%-91% della popolazione dello studio), malattia decrescente (4%), malattia crescente (2%-6%), malattia con attività persistentemente elevata (2%-3%).


I risultati hanno mostrato che solo il sesso femminile alla nascita differenziava tra il rischio per i sottotipi con probabilità alta e decrescente. Tuttavia, una serie di fattori è stato in grado di predire la differenza tra i tre sottotipi di eczema atopico e l’eczema atopico infrequente o assente nell’età adulta. Questi includevano il sesso alla nascita, una classe socio-economica inferiore, la regione di residenza, l’esposizione al fumo di tabacco e l’allattamento al seno. Gli individui con attività di malattia persistentemente elevata avevano maggiori probabilità di riferire di soffrire di asma o rinite. Inoltre, per i pazienti che hanno manifestato il sottotipo di attività della malattia in aumento, i dati auto-riportati hanno mostrato un rischio di cattiva salute generale e mentale nella mezza età.


“I risultati di questo studio di coorte suggeriscono che estendere la finestra di osservazione oltre l’infanzia può rivelare chiari sottotipi di eczema atopico basati su modelli di attività della malattia. Un sottotipo appena identificato con una probabilità crescente di attività in età adulta merita ulteriore attenzione date le associazioni osservate con una cattiva salute auto-riferita nella mezza età” concludono gli autori.


Fonte: JAMA Dermatology

IT-NON-05401-W-09/2023