Deterioramento cognitivo: negli anziani porta a una sottostima del dolore

Sono necessari sforzi sistematici per migliorare il riconoscimento e il trattamento del dolore tra gli anziani con deterioramento cognitivo, indipendentemente dalla diagnosi di demenza, secondo quanto conclude uno studio pubblicato sul Journal of Pain and Symptom Management, e diretto da Jinjiao Wang, della University of Rochester School of Nursing, negli Stati Uniti.

“Il dolore è una preoccupazione significativa tra gli anziani con malattia di Alzheimer e demenze correlate (ADRD). Noi abbiamo cercato di esaminare l’associazione tra deterioramento cognitivo attraverso lo spettro ADRD e valutazione e trattamento del dolore negli anziani americani che vivono in comunità” spiegano gli autori.

I ricercatori hanno studiato 16.836 partecipanti residenti in comunità di almeno 50 anni di età. Le ADRD, valutate tramite misure cognitive convalidate, sono state classificate come demenza, deterioramento cognitivo, nessuna demenza (CIND) e cognizione intatta. La valutazione del dolore includeva la presenza del dolore (spesso disturbato dal dolore), la gravità del dolore (grado del dolore per la maggior parte del tempo) e l’interferenza del dolore (il dolore rende difficile lo svolgimento delle normali attività). Il trattamento del dolore considerava l’uso recente (ultimi tre mesi) di farmaci antidolorifici e oppioidi da banco, e l’assunzione regolare di farmaci da prescrizione per il dolore.

Gli esperti hanno visto che la demenza era associata a una minore probabilità di segnalare presenza di dolore, interferenza del dolore, riferire la corretta gravità del dolore e minore probabilità di ricevere un trattamento per il dolore. La CIND è stata associata alla segnalazione di una minore gravità del dolore, a minore probabilità di segnalare interferenza del dolore e a uso di farmaci antidolorifici da banco.

“CIND e demenza hanno aumentato il rischio di sottostima e sottotrattamento del dolore” concludono gli autori.

Fonte: J Pain Symptom Manage