Diabete gestazionale: nuovo programma riduce ritenzione del peso

Negli USA, un’iniziativa online basata sullo stile di vita per la perdita di peso nota come programma BAB (Balance After Baby) risulta efficace nel ridurre la ritenzione del peso a distanza di un anno dal parto nelle donne con recente diabete gestazionale.

Come illustrato da Jacinta Nicklas dell’Università del Colorado, autrice del programma, nell’intera popolazione di pazienti è stata riscontrata una tendenza alla perdita di peso da 8 settimane a 12 mesi post-parto.

Mediante l’effetto sulla ritenzione di peso post-parto, il programma BAB ha il potenziale di ritardare o prevenire lo sviluppo del diabete di tipo 2 nelle donne con anamnesi recente di diabete gestazionale, mentre la natura elettronica basata sul web del programma è scalabile e altamente rilevante nei tempi più recenti.

E’ stata comunque riscontrata una mancanza di efficacia nelle donne ispaniche che indica la necessità di monitoraggio ed incentivi in questo gruppo etnico.

Alcuni studi epidemiologici su vasta scala indicano che l’aumento di peso conseguente alla gravidanza rappresenta un importante fattore di rischio cardiometabolico a lungo termine, specialmente nelle donne con anamnesi di diabete gestazionale.

E’ dunque di importanza critica implementare interventi basati sullo stile di vita per aiutare le donne ad avvicinarsi più possibile al peso che avevano prima della gravidanza ed a mantenerlo nel tempo.

Le attuali evidenze dimostrano che un’ampia proporzione delle donne che sviluppano diabete gestazionale progrediscono verso il diabete di tipo 2 entro 10 anni, e che le donne con anamnesi di diabete gestazionale hanno maggiori probabilità di mantenere l’aumento di peso dopo il parto.

L’obesità e l’aumento di peso inoltre sono i più importanti fattori di rischio modificabili di diabete di tipo 2. Il Diabetes Prevention Program (DPP) ha dimostrato che un programma intensivo basato sullo stile di vita nelle donne con diabete gestazionale porta ad una riduzione del diabete di tipo 2 del 53%, ma sono state riscontrate barriere all’adesione a questo programma, che richiedeva 16 incontri personali nelle prime 24 settimane.

I problemi comprendevano spostamenti, e responsabilità familiari. Il programma BAB invece è basato su un sito web che richiede alle donne di completare moduli derivati dal programma DPP e bonus, e presenta anche piani d’azione, tiene traccia del peso e dei progressi ed ha un collegamento diretto con un lifestyle coach.Le visite di controllo si tenevano a distanza di 6 e 12 mesi, e prevedevano misurazioni di HbA1c, circonferenza del punto vita ed altezza, peso. 

Fonte: ADA 2020 Scientific Sessions

IT-NON-02559-W-07/2022