Dieta a base vegetale può alleviare l’ulcerazione dolorosa della pelle

Una dieta basata su cibi integrali e vegetali può alleviare le dolorose vesciche della pelle e le cicatrici per le quali non esiste ancora una cura accettata e nessuna causa nota, secondo un recente studio.


I sintomi principali della vasculopatia livedoide sono ulcere estremamente dolorose di varie dimensioni sui piedi e sulle gambe, che lasciano cicatrici visibili una volta guarite.


La condizione colpisce 1 persona su 100.000, soprattutto donne sui 30 anni. I sintomi possono durare da alcuni mesi a diversi anni e possono ripresentarsi. Lo scarso afflusso di sangue è spesso associato alla condizione, ma la causa esatta rimane un mistero, e non c’è ancora una cura comunemente accettata.


Gli autori dello studio hanno riportato il caso di una donna sulla sessantina, i cui sintomi erano iniziati nel 2006. Nel 2013 le è stata diagnosticata una vasculopatia livedoide dopo una biopsia della pelle. Tre anni dopo le sono stati prescritti antibiotici per un’ulcera infetta nella parte inferiore della gamba sinistra. Ha descritto piedi gonfi e macchie rosse sporadicamente pruriginose sulla parte inferiore delle gambe e dei piedi, che si sviluppavano in ulcere trasudanti dolorose, di dimensioni variabili da 1-6 mm a più di 10 mm. La donna ha detto di aver sperimentato focolai di ulcera ogni poche settimane dal 2008, causati da qualsiasi cosa, dallo sfregamento dei vestiti a una piccola ferita. I sintomi sono stati notevolmente peggiori in estate.


Le calze a compressione hanno aiutato a ridurre la formazione dell’ulcera e il gonfiore, ma bastava un solo giorno senza indossarle per vedere ricomparire ancora più ulcere.


Ha riportato di aver raggiunto in quel periodo il punto in cui era “disposta a provare qualsiasi cosa”, così ha accettato la proposta del suo medico di famiglia di provare una dieta basata su cibi integrali e vegetali, basandosi sul fatto che questa promuove la salute dei vasi sanguigni e non ha effetti collaterali dannosi. La dieta includeva tutte le verdure, la frutta, i legumi, i cereali, le erbe e le spezie, ma limitava l’assunzione di cibi vegetali ad alto contenuto di grassi come l’avocado e il cocco, e eliminava carne, latticini, uova, cibi fritti o pesantemente lavorati e oli raffinati.


Dopo un mese, la donna ha riportato che le sue ulcere stavano guarendo e che i suoi sintomi erano meno fastidiosi di quanto lo fossero stati negli ultimi anni.


Un anno dopo i suoi sintomi erano completamente scomparsi. Era la prima volta in circa 8 anni che non aveva sintomi, e ha potuto smettere di indossare le calze a compressione.


Da allora, le ulcere sono ricomparse solo quando si è allontanata dalla dieta.


Nel 2018 è stata completamente senza sintomi per 18 mesi, mentre nel 2019 ha allentato la dieta sviluppando immediatamente delle piaghe dolorose, che hanno richiesto un trattamento antibiotico.


Questo è solo un singolo caso, e i sintomi della vasculopatia livedoide possono chiarirsi da soli, come ricordano gli autori.


Ma la ricorrenza immediata e ripetuta di sintomi gravi quando la paziente non è riuscita a seguire la dieta suggerisce che la condizione può essere legata al cibo, hanno sottolineato gli esperti.


Sono sicuramente necessarie altre ricerche per avere dati utilizzabili. I ricercatori hanno spiegato questo caso col fatto che alcuni alimenti, compresi quelli ad alto contenuto di grassi, sale e zucchero possono danneggiare le cellule che rivestono le arterie. I vegetariani, per esempio, hanno una flessibilità arteriosa migliore rispetto alle persone che seguono una dieta occidentale standard.


Fonte: Bjm Case Reports

IT-NON-04132-W-03/2023