Discectomia percutanea endoscopica transforaminale: ha esiti migliori con assistenza robotica

La discectomia percutanea endoscopica transforaminale (PETD) potrebbe essere più performante se assistita da robot, secondo uno studio pubblicato sull’American Journal of Translational Research.

“La discectomia percutanea endoscopica transforaminale viene ampiamente utilizzata per il trattamento mininvasivo dell’ernia del disco lombare (LDH) e la puntura percutanea del bersaglio del disco ha una curva di apprendimento ripida e un’elevata esposizione alle radiazioni. Una corretta tecnologia di innesto può migliorare la procedura chirurgica e gli esiti clinici” spiega Huiming Yang, dello Xi’an Jiaotong University College of Medicine, e del Shehong Municipal Hospital of TCM, Cina, primo nome dello studio.

I ricercatori hanno voluto indagare sui cambiamenti apportati dall’utilizzo di robot chirurgici nella discectomia percutanea endoscopica transforaminale. Per questo hanno eseguito un’analisi retrospettiva sulle informazioni dei pazienti sottoposti a questa tecnica nella loro struttura da marzo 2019 a luglio 2020. Un totale di 102 pazienti che hanno ricevuto discectomia percutanea endoscopica transforaminale assistita da robot guidati con sistemi di visione a 2D, sono stati inclusi nel gruppo A, e 102 di pazienti che hanno ricevuto discectomia percutanea endoscopica transforaminale guidata da fluoroscopia dell’arco a C nel gruppo B.

Sono quindi stati confrontati tra i due gruppi il numero di punture e di fluoroscopie, la durata dell’operazione, il punteggio di ansia intraoperatoria, le complicanze e il punteggio alla scala analogica visiva (VAS) e l’indice di disabilità di Oswestry (ODI) prima dell’operazione, al primo giorno dopo l’operazione e all’ultima visita di follow-up.

Le operazioni hanno tutte avuto esito positivo. Il gruppo A ha ricevuto 1,20 punture, 10,49 fluoroscopie e 60,69 minuti di operazione, significativamente meno delle 4,84 punture, 17,41 fluoroscopie e 71,19 minuti di operazione del gruppo B. Inoltre, il gruppo A aveva punteggi di ansia intraoperatoria e incidenza di complicanze significativamente inferiori rispetto al gruppo B. Entrambi i gruppi avevano punteggi VAS e ODI comparabili al primo giorno dopo l’operazione e all’ultima visita di follow-up, ed erano entrambi significativamente più elevati rispetto a quelli ottenuti prima dell’operazione.

“La discectomia percutanea endoscopica transforaminale assistita da robot in 2D può consentire una pianificazione precisa del percorso di puntura, facilitare agli operatori il completamento di punture mirate su target patogeni, ridurre il numero di punture e fluoroscopie, ridurre la durata dell’operazione per ottimizzare il processo operativo e ridurre le complicazioni e alleviare l’ansia intraoperatoria per risultati clinici migliori” concludono gli autori.

Fonte: Am J Transl Res. 2022 May 15;14(5):3121-3131. eCollection

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/35702085/

IT-NON-07298-W-06/2024