Dissociazione cognitivo-motoria e recupero funzionale nel danno cerebrale acuto

Le traiettorie di recupero dei pazienti clinicamente non responsivi con diagnosi di dissociazione cognitivo-motoria subito dopo una lesione cerebrale sono nettamente diverse da quelle senza dissociazione cognitivo-motoria. Lo dimostra uno studio pubblicato di recente dalla rivista The Lancet Neurology.


Le traiettorie di recupero dei pazienti clinicamente non responsivi con danno cerebrale acuto sono in gran parte incerte. L’attivazione del cervello in assenza di una risposta comportamentale ai comandi motori vocali (nota anche come dissociazione cognitivo-motoria) può essere rilevata dall’EEG. I ricercatori hanno valutato il ruolo della dissociazione cognitivo-motoria nel predire il tempo di recupero nei pazienti con lesione cerebrale acuta. 

In questo studio di coorte osservazionale, hanno studiato prospetticamente due coorti indipendenti di pazienti clinicamente non responsivi (di età ≥18 anni) con danno cerebrale acuto. L’apprendimento automatico è stato applicato alle registrazioni EEG per diagnosticare la dissociazione cognitivo-motoria rilevando l’attivazione cerebrale in risposta a comandi verbali. 

Tra il 1 luglio 2014 e il 30 settembre 2021, sono stati selezionati 598 pazienti con danno cerebrale acuto e inclusi 193 (32%) pazienti, di cui 100 nella coorte di derivazione e 93 nella coorte di convalida. A 12 mesi, 28 (15%) su 193 pazienti che non rispondevano avevano un punteggio GOS-E di 4 o superiore. La dissociazione cognitivo-motoria è stata osservata in 27 (14%) pazienti ed è stata un fattore predittivo indipendente di un tempo di recupero più breve (hazard ratio 5,6 [IC 95% 2,5–12,5]), così come la lesione cerebrale traumatica sottostante o ematoma subdurale (4·4 [1·4–14·0]), un punteggio della Glasgow Coma Scale all’ammissione maggiore o uguale a 8 (2·2 [1·0–4·7]) ed età inferiore (1·0 [1·0–1·1]). Tra i pazienti dimessi a casa o in un contesto riabilitativo, quelli con diagnosi di dissociazione cognitivo-motoria avevano costantemente punteggi più alti su GOS-E.

Gli autori concludono osservando che una diagnosi di dissociazione cognitivo-motoria potrebbe informare la consulenza delle famiglie di pazienti clinicamente insensibili e potrebbe aiutare i medici a identificare i pazienti che trarranno beneficio dalla riabilitazione.

Bibliografia:

Cognitive-motor dissociation and time to functional recovery in patients with acute brain injury in the USA: a prospective observational cohort study.

https://doi.org/10.1016/S1474-4422(22)00212-5

https://www.thelancet.com/journals/laneur/article/PIIS1474-4422(22)00212-5/fulltext#section-3d6acba1-acea-4be2-8dc9-b7e14e5b6583

IT-NON-07534-W-07/2024