Dormire troppo poco può favorire gli attacchi d’asma

Dormire in modo irregolare (poco, ma anche troppo) può avere effetti negativi sugli adulti con asma. Lo rivela un recente studio che ha rilevato come chi dorme poco o troppo a lungo riporta con più frequenza di aver avuto un attacco d’asma nell’ultimo anno rispetto a chi dorme regolarmente. In generale, queste persone avevano una qualità di vita compromessa e caratterizzata da un maggior numero di giorni di cattiva salute fisica e mentale.

Lo studio ha coinvolto 1.389 adulti con più di 20 anni che si sono autoidentificati come asmatici. Del gruppo, il 25,9% ha dormito 5 ore o meno, il 65,9% ha dormito 6-8 ore e l’8,2% ha dormito 9 o più ore. La durata del sonno è stata misurata chiedendo ai partecipanti quanto dormissero di solito la notte nei giorni feriali o lavorativi. Chi dormiva poco aveva maggiori probabilità di essere più giovane e non bianco, mentre chi dormiva di più aveva maggiori probabilità di essere più anziano, donna e fumatore.

Chi dorme poco, rispetto a chi dorme normalmente, ha fatto registrare una maggiore probabilità di avere avuto un attacco d’asma, tosse secca e un ricovero notturno nell’ultimo anno. Chi dorme poco aveva anche una qualità della vita correlata alla salute significativamente peggiore e nell’anno precedente ha fatto un uso più frequente dell’assistenza sanitaria generale rispetto a chi dorme normalmente. La probabilità per i dormiglioni di avere qualche limitazione di attività a causa del respiro sibilante era più alta rispetto a chi dorme normalmente. Non sono state osservate altre differenze significative.

Secondo gli esperti, un sonno disturbato in un paziente con asma può essere una spia che indica che la malattia non è ben controllata. Questo studio aggiunge prove solide alla necessità, per il paziente, di discutere con il proprio specialista anche a proposito della qualità del sonno, per valutare se sia il caso di cambiare la propria gestione della malattia.

Fonte: Annals of Allergy Asthma and Immunology

IT-NON-03848-W-02/2023