ECMO in pazienti trattati con trapianto di cellule staminali ematopoietiche o Car-T

I pazienti pediatrici sottoposti a trapianto di cellule ematopoietiche o a terapia con cellule Car-T sono a rischio di complicanze che portano all’insufficienza d’organo e alla necessità di risorse di terapia intensiva. L’ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) è una modalità di supporto utilizzata per l’insufficienza cardiaca e respiratoria refrattaria alle terapie convenzionali.

Un gruppo internazionale di ricercatori ha intervistato, usando un sondaggio elettronico di ventotto domande, i medici che forniscono terapia intensiva pediatrica e trapianto di cellule ematopoietiche in Stati Uniti, Canada ed  Europa per valutare le opinioni dei fornitori e le pratiche decisionali e istituzionali riguardanti l’uso dell’ECMO per i pazienti trattati con trapianto di cellule ematopoietiche o Car-T. I risultati sono stati pubblicati dalla rivista Frontiers in Oncology.

Duecentodieci partecipanti hanno completato il sondaggio. Di questi, 159 (il 76%) si sono identificati come medici pediatrici in terapia intensiva e 47 (il 22%) come pediatri o oncologi. La maggior parte (99,5%) degli intervistati ha dichiarato che considererebbe i pazienti trattati con trapianto di cellule ematopoietiche o Car-T come candidati al supporto ECMO.

Solo lo 0,5% degli intervistati ha riferito di considerare il trapianto come una controindicazione assoluta per l’ECMO, il 6% degli intervistati ha affermato che l’ECMO è controindicato nei pazienti sottoposti a trapianto di cellule ematopoietiche all’interno del proprio istituto e solo il 23% ha un protocollo o una politica istituzionale per guidare la valutazione per la candidatura all’ECMO di questi pazienti. Quasi la metà (49,1%) degli intervistati accetterebbe come adeguata una sopravvivenza alla dimissione ospedaliera del 20-30% per i pazienti pediatrici sottoposti a trapianto di cellule ematopoietiche che richiedono ECMO.

Sulla base dei risultati del sondaggio gli autori sottolineano come la collaborazione multidisciplinare sia una componente essenziale per stabilire linee guida pratiche e far progredire i risultati dell’ECMO per questi pazienti.

Fonte: Front Oncol